Arriva la 4ª Festa del Rugby “Andiamo a meta insieme”

Al Ruffino Stadium Mario Lodigiani la nuova edizione dell’evento promosso da ANSF, POLFER e FIR, e organizzato da Toscana Aeroporti I Medicei e Firenze Rugby 1931

Firenze – Sabato 19 novembre, in concomitanza con il test match tra Italia e Sudafrica in programma al ‘Franchi’ di Firenze, sul prospiciente bel manto verde del Ruffino Stadium Mario Lodigiani e con l’organizzazione di Toscana Aeroporti I Medicei e Firenze Rugby 1931, si terrà la 4ª Festa del Rugby.

La festa, un raduno straordinario di minirugby rivolto alle categorie dall’Under 10 alla 14, ospita al suo interno la nuova edizione dell’evento “Andiamo a meta insieme”. La manifestazione è promossa della Federazione Italiana Rugby, da ANSF (Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie con sede a Firenze) e dal Servizio Polizia Ferroviaria (Polizia di Stato) allo scopo di sensibilizzare e favorire l’acquisizione di corretti comportamenti nel sistema dei trasporti e di quello ferroviario in particolare.

È attesa una grandissima partecipazione in un clima festoso. Oltre alle scuole coinvolte nel progetto, arriveranno infatti da tutta la Toscana tantissimi minirugbisti: i ‘padroni di casa’ di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931, Molon Labè, Rufus San Vincenzo, CUS Pisa, Gispi Prato, presente anche con una U14 femminile, Cavalieri Union Prato Sesto, Puma Bisenzio, Cecina, Union Versilia, Sesto Rugby, R. Livorno, Golfo di Scarlino, Unione Rugby Prato Sesto, CUS Siena, Valdinievole R., Lions Amaranto, Amatori Rosignano, Florentia, Quarrata Rugby, Lycée Victor Hugo, I Titani, Lions Valdichiana, Lucca R., Sieci/Mugello, Scandicci R., Vasari Arezzo ed Etruschi Livorno, per un totale di oltre mille atleti suddivisi in ben 96 squadre in rappresentanza di 29 società.

A disposizione l’intero Padovani e gli adiacenti impianti Grazzini e Ridolfi dove prenderà vita ad una giornata di sport ed educazione civica, attraverso la partecipazione ad attività ludiche e di intrattenimento mirate all’educazione sulla sicurezza e sul rispetto delle regole, fondamento su cui si basa la buona convivenza civica e la pratica sportiva, in particolare quella del rugby.

L’edizione di quest’anno presenta un’ulteriore novità: le squadre saranno impegnate con la formula del rugby a 7, la versione del gioco che è disciplina olimpica. Sarà anche da questi atleti che usciranno gli olimpionici di domani, un vero e proprio salto verso il futuro.

Al termine, dopo il rituale terzo tempo, tutte le squadre, invitate dalla Federazione Italiana Rugby, si recheranno ad assistere al test match tra Italia e Sudafrica. La squadra del tecnico Coetzee questa settimana ha ultimato la sua preparazione al match proprio al Ruffino Stadium Mario Lodigiani, ospite di Toscana Aeroporti I Medicei e Firenze Rugby 1931.

Jacopo Gramigni – Gianni Savia – Ph. Bess Melendez