Cadetti: con la trasferta di Bologna iniziano i playout

Nell’ultima giornata della prima fase, l’Union Tirreno respinge l’assalto della Deuxieme

Firenze, 30 gennaio 2016 – 

Campionato Nazionale di Serie B – Girone 2, Poule 2 – 10ª giornata

UNION TIRRENO – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 15-14 (pt 0-0)

Union Tirreno: Daddi, Pisani, Ghini, Campisi, Catinelli, Volpi, Danzi, Catta, Puliti, Pallotta, Paris, Vivarelli, Di Iorio, Dellorusso, Satta, Mannocci.

A disposizione: Cilembrini, Leggieri, Dominici, Pizzi, Patrone, Ferretti.

All.: Bezzini, Bertelli.

Toscana Aeroporti Firenze 1931: Marucelli, Viviani, Favilli, Petrangeli, Dragoni, Rios, Difrancescantonio, Ben Taleb, Vignoli, Bianchini, Ciampa, Guariento, Meroni, Leoni, Piccioli.

A disposizione: Manigrasso, Ambrosio, Formichi, Serantoni, Comizzoli, Santoni, Nofri.

All. Cerchi, Morace.

Marcatori Firenze 1931: Ciampa, tr. Petrangeli; meta di punizione, tr. Petrangeli.

Partita combattuta ed a tratti davvero avvincente, quella disputata a Piombino tra i padroni di casa dell’Union Tirreno e Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931. La posta in palio del resto era alta, il passaggio alla Poule Promozione, a portata di mano di entrambe le squadre ma che, alle resa di fatti, si è resa impossibile per il sorprendente successo con il punto di bonus di Livorno a casa di un Arezzo che nelle ultime giornate ha rimediato sonore sconfitte.

Firenze Rugby 1931 molto aggressivo nella prima frazione, con un grande lavoro della squadra che però non porta frutti tanto che il periodo si chiude sullo 0 a 0.

Gara che si sblocca nella seconda frazione: passano in vantaggio i padroni di casa al 6’ con i ragazzi di Cerchi e Morace che replicano quasi subito. Al 14’ è Ciampa a segnare la meta che, con la trasformazione di Petrangeli porta i fiorentini in vantaggio.

Il match va avanti tra continui ribaltamenti di fronte: entrambe le squadre sono ancora alla ricerca del successo che potrebbe regalare il passaggio ai play off.

Al 26’ è nuovamente l’Union Tirreno a rinfocolare i propri sogni mandando in meta Campisi. La trasformazione porta davanti i piombinesi.

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 non si scoraggia, il tempo per tornare avanti c’è. Una serie di attacchi furibondi nei cinque metri dell’Union mette in difficoltà la difesa, che si salva infrangendo a ripetizione il regolamento. E’ giusta e logica la scelta del direttore di gara di sanzionare i padroni di casa con una meta di punizione. Manca una manciata di minuti e, con la trasformazione di Petrangeli, Firenze Rugby 1931 torna avanti.

Con la forza della disperazione Piombino si riversa in attacco finché, proprio all’ultimo giro d’orologio, un fallo dei fiorentini manda Daddi alla piazzola. Il calcio entra ma non c’è gioia per nessuna delle due compagini.

Livorno espugna Arezzo e relega ai playout le due squadre.

Fabio Ferri di Tele Iride intervista Coach Andrea Cerchi:

Innanzitutto un commento sulla prima parte di stagione.

Una prima parte molto interessante. Per noi è stata un’esperienza nuova, con una squadra molto giovane ed inesperta ma capace di rimanere in corsa fino all’ultimo. Abbiamo giocato discrete partite, questa è una squadra di ragazzi che sanno giocare. Lavorando sulla coesione, ci aspettiamo un’ulteriore crescita.

I Play out: cosa vi attendete?

Il nostro obbiettivo è la permanenza in B. E’ importante partire bene. Tre squadre le conosciamo già: delle altre, con due abbiamo giocato le amichevoli pre campionato con buoni risultati. Abbiamo buone aspettative per questi play out.

Il Firenze Rugby 1931 è una squadra giovane, con ragazzi che sanno giocare. Per questi ragazzi c’è la possibilità di un salto di qualità, di poter giocare un domani in A?

Noi lavoriamo per far crescere i ragazzi, come abbiamo fatto quando eravamo in C, per dar loro la possibilità di giocare con I Medicei. Naturalmente lavoriamo per restare in B ma un gruppo così giovane, che ha grossi margini di crescita, può ambire a traguardi di gruppo importanti, anche a potersi giocare le finali. Il nostro primo impegno sarà il 31 gennaio in trasferta con il Reno Bologna, l’unica che non conosciamo e che ci dicono essere massiccia e molto fisica. Abbiamo giocatori adeguati per giocarcela e vincere.