Categoria: SLIDER

Articoli che vengono inseriti nello slider della home page

LOTTA E SACRIFICIO – Trasferte complicate per i giovani del Firenze Rugby 1931

LOTTA E SACRIFICIO - Trasferte complicate per i giovani del Firenze Rugby 1931

UNDER 16 Regionale
Chianciano Terme, Campo sportivo Castagnolo - domenica 15 aprile 2018 ore 11.00
Molon Labé vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 29-26

 

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Gargiani, Conti F., Gori (Giannardi dal 7' s.t.), Lo Gaglio P., Kibarian, Bianchini, Menicagli, Rahmouni (Younes dal 7' s.t.), Starda, Cecconi, Valtancoli, Brogi F., Pagni, Davio, Fabbrocino

 

Marcatori: Cecconi (tr. Bianchini), Kibarian (tr. Bianchini), Lo Gaglio F. (tr. Giannardi), Cecconi (nt)

 

Questo è rugby.
Finisce così, con una amichevolissima partita a calcio tra i nostri ragazzi della Under 16 Regionale e gli avversari del Molon Labé.
Incontro importante per i nostri che in caso di vittoria avrebbero potuto scalare la classifica del girone. La nostra squadra si presenta con una formazione rimaneggiata e soprattutto con solo due riserve. La partita è da subito molto equilibrata e combattuta, il risultato altalenante ma con un piccolo vantaggio per il Firenze 1931 grazie alla maggiore precisione nelle trasformazioni.
Verso la fine del primo tempo la svolta, prima un giallo e quindi un infortunio (forte contusione al ginocchio per Starda) costringono la squadra allenata da Gabriele Caneschi ad affrontare quasi tutto il secondo tempo in inferiorità numerica. Nonostante questo i nostri ragazzi riescono a rimanere in partita perdendo alla fine per soli tre punti. 29/26 in risultato finale.
Alta la tensione a fine partita ma dopo una doccia, un abbondante terzo tempo e due calci ad un pallone tondo tutto torna sereno.
Bravi ragazzi avete dato tutto anche questa volta, le vittorie arriveranno presto, magari già domenica prossima con i Ghibellini!

 

Testo e foto di Stefano Giannardi

 

 
 
UNDER 14/1
Torneo Farnese V tappa Superchallenge Colorno - Sorbolo
Sorbolo PR, centro sportivo Sorbolo - domenica 15 aprile ore 10.00

 

Una trasferta complicata quella della Under 14 a Colorno per la 5° tappa del Torneo Superchallenge, cominciata non bene con la rinuncia il giorno prima di Cortopassi per la conferma di una frattura ad un dito della mano.
I ragazzi iniziano il Torneo incontrando la squadra degli Amatori Milano che appaiono fin da subito molto motivati, al contrario dei ragazzi del Firenze. Arriva poi un’altra tegola a cambiare i piani della squadra con l’infortunio di Vannoni nei primi minuti della prima partita.
I ragazzi visti da fuori appaiono disorientati e commettono numerosi errori sia in difesa sia in attacco. I primi tre incontri del girone, che purtroppo come noto decidono pesantemente la classifica del finale, si concludono con 3 sconfitte rispettivamente per 7-0 con gli Amatori Milano, 15-0 con il Modena e 5-0 con il Varese. Spiace davvero perché il girone capitato al Firenze era un girone decisamente alla portata della nostra Under 14 vista giocare nei precedenti Superchallenge.
Prova ulteriore che nel rugby, al di là della presenza in campo di giocatori più o meno forti,  la convinzione e l’aggressività nel gioco sono condizione necessaria per giocare e la mancanza di questi aspetti risulta decisiva.
In semifinale i nostri ragazzi ritrovano il Cecina e finalmente il derby toscano riesce a riaccendere qualche fiammella di orgoglio. I ragazzi riescono a serrare le fila e ritrovare la voglia di giocare. È una partita equilibrata, a tratti avvincente, che nonostante la meta di Pallotti vede il Firenze sotto 7-5 all’ultimo minuto di gioco. I ragazzi del Firenze, a loro il giusto merito, trovano con Pianigiani la meta a tempo scaduto, fissando così il risultato finale sul 10-5 (meta non trasformata).
Nella partita finale per il 13°-14° posto i ragazzi affrontano il Rho senza alcuni giocatori chiave e con molti giocatori in campo con diversi acciacchi. È in questa partita che i ragazzi del Firenze, viste la condizione fisica in cui hanno affrontato la partita, si prendono i complimenti degli allenatori, giocando con intensità e mettendoci tutto quello che era rimasto loro.
Il Firenze 1931 vince quindi l’incontro con il Rho 14-5 con mete di Pallotti e Maiorano, aggiudicandosi il 13° posto – numero azzeccato viste le vicissitudini del Torneo.
Piazzamento non lusinghiero in generale ma che ha fornito nuovi insegnamenti ai ragazzi che portano con loro nuova esperienza e la comprensione del fatto che, anche quando tutto va storto, è necessario dare il massimo e forse qualcosa di più.
Se ne faranno tesoro per il futuro, sarà loro molto utile.

 

Testo di Luca Beccastrini -  Foto Simona Chiostrini

 

UNDER 14/2
Scandicci FI, campo sportivo Vingone - sabato 14 aprile ore 17.00
TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Florentia

 

Brutta giornata per l’Under 14/2 del  Firenze 1931 che incontra il Florentia sul campo amico del Vingone. Fin dall'inizio si capisce che il Florentia schiera la formazione d'attacco, i biancorossi soffrono da subito le percussioni e le ripartenze degli ospiti, tanto che il punteggio cambia subito al 5° del primo tempo quando il Florentia infila la prima di una lunga serie di mete, interrotte da una bella meta di Olmo Fantini, trasformata da Metti, a metà primo tempo che fa bene al morale, ma l'andamento della partita non cambia. Purtroppo verso la fine del secondo tempo viene annullata una meta buona su un’incursione di Metti sulla fascia che comunque non avrebbe cambiato il risultato ampiamente positivo per il Florentia che si conferma bestia nera per il Firenze Under 14/2.

 

Testo di Alessandro Metti
 

 

 
 
UNDER 10 - Raggruppamento Gispi - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Prato, campo sportivo Coiano - sabato 14 aprile ore 15.30

 

Dopo quasi un mese di inattività l’Under 10 torna finalmente a calcare i campi di gioco.
Teatro delle sfide di questa diciassettesima giornata del calendario regionale toscano, è l’impianto di Coiano del GISPI Prato.
Oltre al Firenze 1931 e ai padroni di casa, partecipano al concentramento anche le società rugbistiche di Iolo, Sesto e I Puma Bisenzio.
3 i campi allestiti con la consueta modalità del girone all’italiana.
Sarà per il caldo sole primaverile, sarà per via della pausa troppo lunga ma i ragazzi oggi sembrano avere una marcia in più e fin dal primo incontro si fanno trovare pronti all’azione.
C’è concentrazione, c’è  affiatamento, c’è voglia di fare; i frutti dell’allenamento e del tempo che consolida i legami di squadra si vedono fin dalle prime azioni di gioco e nella grinta messa in campo.
Nonostante nelle prime due gare i biancorossi raccolgano solo un pareggio e  una sconfitta di misura, gli incontri sono tutti giocati con intensità e ad armi pari e le partite successive sono un crescendo di gioco e risultati fino alle vittorie contro Sesto e GISPI.
Al termine degli incontri tanti abbracci e tanti sorrisi sottolineano la soddisfazione di tutti: atleti, educatore e genitori a seguito.
La solita ottima organizzazione dei padroni di casa ed un bel terzo tempo chiudono un’altra bella giornata di gare e di crescita per i nostri ragazzi che ancora una volta possono tornare a casa soddisfatti e orgogliosi del loro operato.

 

Testo di Maurizio Amadori - Foto di Marzio Tomasini

 

 
UNDER 8 - Raggruppamento Florentia - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 -
Firenze, campo Marco Polo - sabato 14 aprile ore 15.30

 

Un sole tanto bello quanto insolito per il periodo ci accoglie al campo dei cugini del Florentia Rugby per un concentramento che si preannuncia agguerrito e impegnativo, anche per il numero di partecipanti.
Oltre ai nostri ragazzi sono presenti due squadre dei padroni di casa, due del Gispi Prato e due delle Sieci-Mugello.
I nostri piccoli rugbisti dimostrano una gran voglia di lottare e sacrificarsi nel più classico dei motti, tutti per uno uno per tutti, vincendo le  partite con le due squadre del Florentia e le due contro le rappresentative Sieci-Mugello, mostrando una bella amalgama con insolite azioni alla mano e addirittura un paio di mete portando la palla a segno con mischie caparbie.
Infine le due sconfitte con le compagini del Gispi nelle quali abbiamo dovuto confrontarci con un gap fisico che non ha comunque scoraggiato i nostri ragazzi, che hanno fatto onore al mantra rugbistico per definizione: SOSTENERE-AVANZARE.
Per finire il meritato terzo tempo all'aperto tutti insieme per godere ancora della bella giornata di sole.

 

Testo di Manfredi Tozzi- Foto di Claudio Sozio

L’U16 vince con merito il Trofeo degli Appennini

Conquistate le semifinali nazionali, Firenze tra le prime quattro squadre italiane

Firenze, Campo Padovani, domenica 15 Aprile

Under 16 – Campionato Elite – girone 1 – XVIII giornata

Firenze Rugby 1931  –  Lyons Valnure Rugby   50 – 12   (24 – 7)

Marcatori: Nannini (2) Sorrentino (2) Frangini, Pracchia, Conti , Del Giudice  5 tr. Pesci per Firenze; Perazzoli e Nacov tr. Villa

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Nannini, Cardoso, Pesci, Ferrazza, Tuci, Conti, Cherici, Frangini, Sorrentino, Hill,  Pracchia, Becattini, Brogi G., Cosci, Toscano
A disposizione, utilizzati: Del Giudice, Bovo, Martelli, Piccoli, Lo Gaglio F. De Pasquale, Fortuna
All. Semoli, Benaim

Lyons Valnure Rugby: Nakov, Azzini, Cuminetti, Di Masi, Perazzoli, Villa, Coscia, Profiti, Cirillo, Maserati, Zanasi, Bonatti, Malta, Buzzetti, Amir Ali
A disposizione: Monzani, Espinoza, Signoriello, Mori, Oppizzi
All. Permigiani

Arbitro Sig. Arnone

Punti conquistati in classifica:  Firenze Rugby 1931  5  –  Lyons Valnure Rugby  0

‘La cooperazione si basa sulla profonda convinzione che nessuno riesca ad arrivare alla meta se non ci arrivano tutti….(cit.)’

Questo è Toscana Aeroporti Firenze Rugby U16, questo è lo spirito che ha portato questa squadra a vincere il campionato Elite Girone 1 e conquistare il Trofeo degli Appennini, il campionato tre la migliori squadre del centro Italia, dopo più di venti anni dai precedenti di categoria.

Quest’ultima partita di campionato mette di fronte ai ragazzi del Firenze i pari età del Lyons Valnure Piacenza, ultimi avversari di un campionato avvincente.

La partita si mette subito bene col Firenze che dopo due minuti già è in vantaggio. Gli avversari reagiscono e dopo un lungo attacco si portano in parità. Dopodiché la partita passa in mano ai fiorentini che non la lasceranno più, spengendo sul nascere tutti i contrattacchi avversari.

Già alla fine del primo tempo il risultato è acquisito con le 4 mete per il bonus già segnate, ma questo non ferma i ragazzi che arriveranno a fare 8 mete totali.

L’Alabim finale con i fuochi d’artificio di sottofondo non è mai stato così bello….. PRIMI contro tutto e tutti.

Il responsabile tecnico della U16 Antonio Semoli, intervistato da Cristina Nardi: Vincere il Trofeo degli Appennini non è una passeggiata. Cosa avete dovuto affrontare per arrivare a questo bel risultato?

Assolutamente no! Abbiamo incontrato degli avversari veramente forti, come l’unione Prato Sesto e Livorno, di cui personalmente stimo molti giocatori. Inoltre quest’anno un altro grande fattore è stato il meteo piovoso che soffriamo molto poiché nel gioco cerchiamo di dare tanto ritmo e di muovere tanto il pallone. E l’ultimo avversario è stato mantenere per tutte le partite e tutti gli allenamenti alta la concentrazione e la motivazione nei ragazzi che seppur primi in classifica da oltre metà campionato non hanno mai mollato.

Parlaci del gruppo: quali sono i punti di forza?

“Il gruppo” è il nostro punto di forza che sicuramente ci contraddistingue dalle nostre dirette avversarie. Molti dei nostri ragazzi giocano insieme da più di 5 anni e questo ha creato profondi legami tra di loro. La loro amicizia e coesione ha sopperito alla mancanza di tecnica o di fisicità nei momenti di difficoltà durante il campionato. Avere una seconda squadra di categoria che milita nel campionato regionale è un altro fattore positivo, fa crescere i ragazzi più giovani e con meno esperienza e fornisce ottimi cambi per la formazione élite . Inoltre questo è il quinto anno che alleno questo gruppo che ho visto crescere, e sicuramente anche la profonda conoscenza di ogni singolo elemento del gruppo é un grande vantaggio.

Qual è il ricordo più bello di questa lunga stagione?

La lunga stagione non è ancora finita, anzi il bello deve ancora arrivare. Il ricordo più bello lo dobbiamo ancora creare  e costruire domenica dopo domenica durante le fasi finali che cominceranno domenica 5 maggio. Però ho molti bei ricordi delle partite che abbiamo giocato fino ad adesso, sicuramente non mi scorderò mai del calcio piazzato lontano e laterale che centrammo a tempo scaduto a Livorno o della meta di intercetto che abbiamo fatto in casa contro l’unione Prato Sesto.

E ora, le semifinali nazionali!

Cristina Nardi – Ph. Bess melendez

Sabato al Padovani le Rugbyeliadi: il Rugby Open Day in collaborazione con le Piaggeliadi

Ultimi preparativi per accogliere la grande festa del rugby per bambini e bambine dai 6 ai 12 anni

Firenze – Un Padovani a festa attende sabato prossimo 14 aprile i bambini che con le Piaggeliadi si sono iscritti presso la rispettive scuole alla prove di rugby. Si parla di numeri record per le adesioni di questa edizione 2018 che prenderà il via dalle ore 9.00 con l’intento di far provare le brezza del gioco della palla ovale su un vero campo da rugby!

Tecnici esperti saranno ad accogliere e seguire bambini e bambine in un primo approccio con il rugby fino a condurli a delle piccole partitelle. A concludere le attività, foto di gruppo e “terzo tempo” (merenda per tutti). A tutti i partecipanti sarà fatto omaggio di un biglietto per la partita di Eccellenza tra Toscana Aeroporti I Medicei e Viadana 1970 in programma il pomeriggio nello stesso Ruffino Stadium.

Per informazioni: segreteria@firenzerugby1931.it  –  Tel. (+39) 055 5031672 (ore serali) www.firenzerugby1931.it/minirugby

Iscrizioni: www.piaggeliadi.it/iscrizione.asp

Jacopo Gramigni

SPLENDE IL SOLE SUI GIOVANI BIANCOROSSI

SPLENDE IL SOLE SUI GIOVANI BIANCOROSSI

Under 16 Elite

Girone 1 - 17°giornata

Parma, Campo Giuseppe Bianchini - domenica 8 aprile ore 12:30

Rugby Parma 1931 vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931  14 - 29   (0 – 19)

 

Marcatori: Frangini, Cherici, Sorrentino, Nannini, Piccoli  2 tr. Pesci per Firenze, Rabaglia e Sorio, 2 tr. Colla per Rugby Parma 1931

 

Rugby Parma 1931: Frescura; Mattioli M., Mazza, Gori, Alberti; Sorio, Colla; Carra, Cristofori, Sartori; Rabaglia,  Mattioli L.; Salvadori, Strini, Borges.

A disposizione: Patti, Fanfoni, Montini, Scrimieri, Stocchi, Bosi.

All. Bricoli

 

Firenze Rugby 1931: Nannini; Tuci, Cardoso, Pesci, Ferrazza; Conti D., Cherici; Frangini, Sorrentino, Hill; Pracchia, Becattini Q; Brogi G., Toscano, Innocenti

A disposizione: Cosci, Del Giudice, Bovo, Lo Gaglio F., Piccoli.

All. Semoli.

 

Arb. Sig.Riccetti

 

Punti conquistati in classifica: Rugby Parma 1931 0 - Firenze Rugby 1931 5

 

Penultima giornata di campionato Elite Under 16 con il duello a distanza con l’URPS che continua.

Partita molto bella e ben giocata, con i fiorentini che sbloccano il risultato dopo solo 3 minuti. La partita poi diventa bellissima con tutte e due le squadre che si fronteggiano a suon di touch e ruck. I 5 punti finali per il Firenze Rugby 1931 mettono l’accento su una delle partite più belle giocate nella stagione.

 

Testo di Cristina Nardi -  Foto di Bess Melendez

 

 

Under 16 Regionale

Girone 2 - 7° giornata

Livorno, Stadio Tamberi - domenica 8 aprile

Granducato Rugby vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931  22-26

 

Marcatori: m Dalla Valle (5-0); m Lischi tr. Mazzoni (12-0); m Brogi tr Bianchini (12-7); m Cecconi (12-12); mt Brogi tr. Bianchini (12-19); m Lischi (17-19); m Fortuna tr Bianchini (17-26); m Bernieri (22-26)

 

Granducato Rugby: Bicchierai, Pellegrini L., Dalla Valle, Porciello, Paolini, Mazzoni, La Rosa, Rondelli, Barsacchi, Pioli, Tellini, Meini, Pellegrini A., Cadau, Lischi.

A disposizione: Novaro, Uccetta, Madrigali, Capobianchi, Bernieri, Taddeini

 

All. Brancoli

 

Firenze Rugby 1931: Gori, Morozzi, Fortuna, Lo Gaglio, Conti F., Bianchini, Menicagli, Rahmouni, Davio, Cecconi, Starda, Brogi, Pagni, Martelli, Fabbrocino

A disposizione: Corsi

 

All. Caneschi

 

Arb. Riccucci A.

 

Punti conquistati in classifica: Granducato Rugby  2 - Firenze Rugby 1931  5

 

Una vittoria è sempre una vittoria, d'accordo, ma è come viene maturata che fa la differenza.

Campo Tamberi di Livorno, trasferta durissima e sentita da tutti, memori della sciagurata partita d'andata finita con qualche baruffa di troppo.

Ecco, vedendoli oggi, non sembrano gli stessi ragazzi; ed infatti oggi si loda un gruppo di giocatori, una squadra che ha conquistato una difficile partita su un campo ostico, partendo dall'allenatore, che fin dalle prime battute ha incitato i suoi ragazzi, passando per la squadra che ha esibito una grande determinazione, fino ad un arbitro sempre sul pezzo che con polso e spiegazioni ai giocatori (ed ai genitori) ha contribuito alla regolarità della partita.

Splende il sole sulla costa, splende il sole sul giglio rosso in campo bianco. Grande soddisfazione insomma: quando sembrava che la squadra fosse destinata all’ennesima sconfitta, arriva con forza una grande prova di carattere con belle giocate e tanto cuore. Oggi i ragazzi hanno stupito o forse hanno solo ricordato che, in fondo, vogliono vendere cara la pelle. Pubblico in delirio.

 

Testo di Aldo Fortuna - Foto di Enrico Bianchini

 

UNDER 12 - Raggruppamento Polisportiva Bellaria Cappuccini

Pontedera PI, polisportiva Bellaria - sabato 7 aprile 2018 ore 15.30

 

Sabato 7 aprile la categoria under 12 del Firenze Rugby 1931 formata per la maggior parte dai ragazzi dell’anno 2007 con alcuni rinforzi del 2006, si presenta al campo della Polisportiva Bellaria a Pontedera per la 12° giornata della terza fase, come da calendario del Comitato Regionale Toscano. Le altre squadre presenti, oltre ai  padroni di casa del Bellaria, sono la Polisportiva Sieci e il Cus Pisa. I ragazzi accompagnati dal coach Giacomo Taiuti arrivano con molti genitori al seguito e con una gran voglia di giocare in una bella giornata di sole. L’obiettivo di questi concentramenti è misurarsi tra realtà differenti, che in questo caso è risultata leggermente inferiore al livello di preparazione tecnica dei nostri atleti, i quali hanno portato a casa tre vittorie su tre partite giocate. Il bello è averli visti giocare, dal primo all’ultimo 18  ragazzi, con passione carica e attaccamento alla propria squadra.

Alabim!

 

Testo e foto di Roberta Falcini

 

 

UNDER 6 - Raggruppamento Polisportiva Sieci

Sieci FI, polisportiva Sieci - domenica 8 aprile 2018 ore 10.30

 

In una mattinata finalmente splendida, dopo aver giocato con le peggiori condizioni atmosferiche, i nostri atleti sono pronti per una giornata all’insegna del divertimento. Sono presenti la Polisportiva Sieci, società ospitante, un atleta del Rugby Lucca, un atleta del Pistoia Rugby e noi.

Non essendo intervenute molte squadre, per garantire il divertimento dei piccoli rugbisti e l’aggregazione fra i medesimi viene deciso di “prestare” tre atleti del Firenze Rugby 1931 ed unirli all’esponente del Rugby Lucca e del Pistoia Rugby dando origine alla nuova squadra dei Leaders.

Mentre la nuova compagine provava gli  schemi ed i giocatori si conoscevano e si amalgamavano, sono scesi in campo il Firenze Rugby 1931 con la squadra ospitante, poi i Leaders sempre contro il Firenze Rugby 1931, poi i Leaders con la Polisportiva Sieci. Ad un certo punto i bimbi inizialmente “prestati” sono stati sostituiti con altri e sono tornati a giocare con la propria squadra ed ancora partite, tanto divertimento e bel gioco.

I nostri nani stanno crescendo e maturando, hanno giocato con determinazione, convincimento, facendo tantissimi passaggi, giocando veramente bene e mentre giocavano erano contenti, felici e noi genitori con loro.

Sia come Leaders, che come Firenze Rugby 1931 i nostri ragazzi sono stati veramente bravi tutti!!

 

Testo di Valentina Orlandi - Foto di Leonardo Coli

Serie C: il derby è biancorosso

Largo successo per Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 sui Cadetti della Florentia Rugby

Firenze – I ragazzi di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 lo avevano annunciato: il match con il Florentia Cadetta avrebbe dovuto essere la prima conferma del ritrovato passo giusto. E così è stato.

Incuranti delle ‘trappole’ che i derby possono presentare, i biancorossi hanno preso le redini dell’incontro dal primo minuto, interpretandolo al meglio: solida fase difensiva e bella efficacia nel gioco offensivo le chiavi usate dai ragazzi di Cerchi e Sposato per venire a capo degli avversari.

Trascinati da un Vignoli in gran forma, presente in ogni fase, autore di placcaggi devastanti e premiato con il Ruffino Man of the Match, i biancorossi archiviano la pratica senza troppi patemi, salgono ancora in classifica e affrontano la pausa per la Pasqua con serenità ma con la mente rivolta al prossimo match, che li vedrà opposti a Lucca che guida la graduatoria con il vantaggio di un match in più.

Firenze, Campo Marco Polo – Domenica 24 marzo

Serie C 2 fase 2, IV giornata

Florentia Rugby Cadetta – Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 10-39 (5-17)

Marcatori: m De Santis; m Vignoli; m Bussetti; m Santoni M.; m Caneschi L.; m Caneschi L.; m Vignoli; 2 tr. De Santis

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Fanelli; Barlucchi, Visonà, Lombardi, Caneschi L.; De Santis, Caneschi C.; Pracchi (c), Vignoli, Sacchi; Mercantelli, Paggetti; Pratesi, Stellini, Bussetti.

A disposizione, utililizzati: Venturi, Dellabartola, Duccini, Stinghi, Calamandrei, Santoni M, Benvenuti

All. Sposato, Cerchi

Arb. Sig. Crimi

Ruffino Man of the Match: Alessio Vignoli (Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931)

Punti conquistati in classifica: Florentia Rugby Cadetta 0; Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 5.

La classifica: Lucca 16, Gispi Prato 14, Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931, Golfo dei Poeti R. 7, Bellaria Cappuccini 3, Florentia Rugby Cadetta 2.

Gianni Savia – Ph. Paolo Franciolini/Florentia Rugby

Serie C: Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 si rilancia con un bel successo

E domenica 25 in trasferta per il derby!

Firenze, Impianto Padovani – Domenica 18 marzo

Serie C 2, Fase 2 – III Giornata

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 – Rugby Bellaria Cappuccini 38 – 0

Marcatori: m ZuaZua; m Pracchi; m Poppi; m Bussetti; m Parente

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Fanelli; Santoni M., Visonà, Grisieti, Caneschi L.; De Santis, Benvenuti; Pracchi, Vignoli, Santoni P.; Paggetti, ZuaZua; Bussetti, Stellini, Sguerzo.

A disposizione, utilizzati: Pratesi, Venturi, Poppi, Sacchi, Magro, Caneschi C.; Parente.

All. Sposato, Cerchi

Arb. Vullo

Calciatori: De Santis (Firenze Rugby 1931) 4/6

Note: giornata fredda, pioggia battente, campo molto allentato

Ruffino Man of the Match: Marco Visonà (Firenze Rugby 1931)

Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 5: Rugby Bellaria Cappuccini 0

Torna alla vittoria Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931, impegnato nella seconda fase del campionato di serie C2. E lo fa in maniera perentoria, con un 38 a 0 ai danni del Rugby Bellaria Cappuccini di Pontedera che non lascia spazio ad interpretazioni.

Le condizioni meteo non erano certo delle più incoraggianti: pioggia battente, freddo e campo ai limiti della praticabilità. Invece i ragazzi di Cerchi e Sposato sono scesi in campo determinati a dimostrare che la battuta d’arresto subita a Prato nella prima giornata era stato solo un episodio, fornendo proprio a dispetto del meteo una prestazione completa sotto tutti i punti di vista: continuità atletica, difesa attenta con placcaggi ben portati, bel movimento di palla; sono questi i fattori che hanno determinato il rotondo finale, raggiunto grazie alle mete di ZuaZua, Pracchi, Poppi, Bussetti e Parente ed alle trasformazioni di De Santis.

La strada, fino alla fine della fase 2, è ancora lunga ma certamente il Firenze Rugby 1931 ha dato dimostrazione di poterla percorrere da protagonista, mettendo in campo una forma invidiabile.

Da menzionare le prove del capitano Pracchi e di Marco Visonà, centro proveniente da Treviso che, all’esordio da titolare, è stato meritatamente nominato Ruffino Man of the Match per le qualità tecniche e le doti agonistiche.

Il Firenze Rugby 1931 é ora atteso dal derby stracittadino, con tutto il suo carico di contenuti emozionali. Domenica 25, alle 15,30 per il passaggio all’ora legale, i ragazzi di Cerchi e Sposato saranno ospiti del Florentia Rugby al Campo Marco Polo per la prima conferma.

Gianni Savia – Ph. Donatella Bernini

GRANDI SODDISFAZIONI PER I GIOVANI BIANCOROSSI

GRANDI SODDISFAZIONI PER I GIOVANI BIANCOROSSI

UNDER 16

Campionato Elite

Fase 2 - Girone 1 - 15°giornata

Firenze, Ruffino Stadium Mario Lodigiani - domenica 18 marzo 2018

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Amatori Parma Rugby Club 24-7 (12-0)

 

Marcatori: Cardoso; Innocenti, Pracchia, Tuci,  2 tr. Pesci per Firenze; Giunipero tr. Mey per Amatori Parma

 

Firenze Rugby 1931: Cardoso, Pesci, Tuci, Ferrazza, Cherici, Nannini, Nidiaci, Sorrentino, Piccoli, Hill,  Pracchia, Becattini, Innocenti, Toscano, Brogi G. (Del Giudice, Cosci, Frangini, Bovo, Lo Gaglio F. Vitone)

 

All: Caneschi, Benaim

 

Amatori  Parma Rugby Club: Nassigh, Fontana, D’Apice, Grasso, Bonini, Mey, De Giovanni. Giunipero, Maggiore, Balestrieri, Bonini, Borghini, Gastaldo, Tirelli, Alcantara (Quaranta, Ferrari, Marchesi, Rodolico)

 

All: Mey

Arbitro sig. Olivi

Punti conquistati in classifica:  Firenze Rugby 1931 5 – Amatori Parma Rugby  0

 

Pioggia, freddo e vento fanno da padroni in questa 15° giornata del campionato Elite U16.

Il campo verde è veramente ridotto male dalle tante piogge cadute nei giorni precedenti e quindi la partita fra Firenze Rugby 1931 e Amatori Parma si gioca sul campo d’allenamento.

La partita non è bella; il fondo pesante non favorisce le incursioni dei trequarti e delle ali fiorentine e la palla scivolosa cade spesso. Firenze riesce ad imporre la propria superiorità sia in mischia chiusa che nelle touche che, visto la situazione metereologica, diventa fondamentale per vincere sui parmensi. Gli avversari riescono ad avvicinare la nostra meta solo a risultato ormai acquisito segnando quasi allo scadere della partita.

Le parole di Caneschi a fine gara: “Complimenti perché la partita era difficile, siamo andati un po’ in difficoltà ma siamo riusciti a mantenere la calma, tirare fuori gli attributi e ribaltare la situazione. I 5 punti erano il nostro obiettivo e li abbiamo conquistati. Adesso ci aspetta una settimana di lavoro per affrontare il derby con l’Urps”.

 

Testo di Cristina Nardi-  Foto di Bess Melendez

 

 

UNDER 12 -  Torneo Città di Viterbo - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931-

Viterbo, campo sportivo Sandro Quatrini - domenica 18 marzo 2018 ore 9.30

 

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 ottiene, a distanza di una settimana, per la seconda volta consecutiva, un meritato primo posto al 29° Torneo nazionale di minirugby “Città di Viterbo”. I gigliati biancorossi sembrano mantenersi costanti su un filo rosso invisibile che porta ad una crescita progressiva come intensità di lavoro di squadra. Accompagnati da ben due allenatori e soprattutto educatori come Giacomo Taiuti e Marco Magini mitici nel creare un clima di attenzione, concentrazione e spirito di gruppo ingredienti necessari per partecipare ad una gara così impegnativa. Il tempo ha reso ancor più essenziale impegnarsi al cento per cento per arrivare fino al termine delle partite senza mollare. Basta guardare la foto, che fa da quadro a tutta la giornata piovosa fino al limite del possibile, un clima che ha messo a dura prova tutti, compresi i genitori al seguito, ma nonostante questo i ragazzi, da il più esile al più robusto, hanno mantenuto fino in fondo caparbietà e cuore. È questo ciò che rimane in fondo alle più svariate emozioni. L’impraticabilità dei campi non ha frenato la società del Viterbo Rugby a rinunciare allo svolgimento del Torneo bensì a far giocare a turnazione, in quanto un unico spogliatoio non sufficiente a ricevere il numero di ragazzi, iniziando a far giocare per prima la categoria 8, poi la 10 in seguito la 12. Partite ad un tempo unico di dieci minuti ciascuna. Dunque Toscana Aeroporti gioca la sua prima partita con Fiumicino Rugby alle ore 11,45. Buona prestazione da parte dei ragazzi  che non presentano certo la perdita di concentrazione durante l’attesa d’inizio gara. La seconda giocata a distanza di venti minuti con Fiamme Oro Rugby trova i ragazzi del Firenze ben organizzati e questo che permette di arrivare in vantaggio rispetto alla squadra che ha di fronte. Subito in sequenza Toscana Aeroporti gioca con Civita Castellana Rugby partita leggermente più facile in quanto i ragazzi sembrano stimolati a continuare senza volersi arrestare nonostante il continuo scroscio d’acqua, così si aggiudica la prima posizione del girone con nessuna meta subita e in nessun altra partita ne subirà. Sicuramente la partita più intensa è stata con i padroni di casa il Viterbo Rugby partita di quindici minuti giocata soprattutto con la voglia di portare a casa un “quid”, che ha valso la pena allora aver trascorso una giornata all’insegna dello sport e del rugby.

Terzo tempo apprezzatissimo, una premiazione per la seconda volta mancante del suo simbolico rituale causa tempo e un pullman puntuale per la partenza del ritorno.

ALABIM!

 

Testo e foto di Roberta Falcini

 

 

UNDER 10 -  Torneo Città di Viterbo - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931-

Viterbo, campo sportivo Sandro Quatrini - domenica 18 marzo 2018 ore 9.30

 

Weekend all'insegna della palla ovale iniziato sabato con il match della Nazionale italiana valido per il  6 Nazioni all'Olimpico di Roma contro la Scozia a cui hanno assistito alcuni dei nostri ragazzi accompagnati da genitori e da loro compagni di Under 8 e Under 12.
Domenica è giorno di gare per i nostri giovani atleti e la squadra si riunisce a Viterbo per disputare il torneo “Città di Viterbo”. Un mese di marzo intenso per l'Under 10 del Firenze che dopo aver affrontato le avversità  del campo pesante di Arezzo nello scorso weekend, deve cimentarsi in una nuova dura impresa: stavolta non è il fango l'avversario imprevisto, ma il vento freddo accompagnato da improvvisi rovesci che mettono a dura prova i classe 2008/2009. E come nel precedente impegno aretino, l'armata biancorossa resta impassibile e affronta tutte le gare di giornata con la solita intensità e determinazione.
Alla fine dei 3 incontri disputati contro Viterbo, Orte e Siena, il tabellino riporta una vittoria un pareggio e una sconfitta ma soprattutto quello che i ragazzi portano a casa è un altro piccolo pezzetto nel loro percorso di crescita umana e sportiva.

 

Testo di Maurizio Amadori - Foto di Chiara Accardi

 

 

UNDER 8 - Torneo Città di Viterbo - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931-

Viterbo, campo sportivo Sandro Quatrini - domenica 18 marzo 2018 ore 9.30

 

Una due giorni laziale per l'Under 8 del Firenze Rugby 1931 che, nell'arco del fine settimana, si muove tra Roma e Viterbo, portando a casa il ricordo della bella partita dell'Italia al "6 Nazioni" contro la Scozia, e  addirittura una coppa per un meritatissimo terzo posto al 29° Torneo Città di Viterbo.

Le previsioni meteo non mentono e la realtà si presenta anche peggiore delle aspettative. La pioggia cade particolarmente intensa fin dal riscaldamento tanto che alcuni bambini, stremati dal vento e dal freddo, non riescono a proseguire. Si decide quindi di riunire i piccoli atleti superstiti in un'unica squadra.

Si parte. La nostra Under 8 non si fa trovare impreparata, anzi, tira fuori la determinazione dei giorni migliori e probabilmente qualcosa di più. Chiude il proprio girone al primo posto grazie alle vittorie contro Unione Rugby Viterbo e Fiamme Oro Rugby, e lo fa blindando la difesa per poi ripartire all'attacco con sferzate micidiali.  In questa prima fase i nostri non subiscono neppure una meta, mostrando un gioco di squadra invidiabile che fa ben sperare per il proseguo del torneo. Per fortuna gli organizzatori decidono di evitare il più possibile le soste così da mantenere caldi i bambini già duramente provati dalle avverse condizioni metereologiche.

Piove durante la semifinale persa contro la U.S. Primavera Rugby Roma, ottima formazione che riesce con guizzi rapidi a imbucarsi più volte alle nostre spalle, e piove anche durante la finale per il terzo e quarto posto contro l’Unione Rugby Capitolina, partita molto sentita, vibrante, che riassume, anche nel punteggio finale, 4-3 per i biancorossi, tutto quello che di buono è stato fatto durante questo torneo.  Capitolina e Firenze 1931 si rispondono colpo su colpo in una partita di rara intensità. Grazie alla maggior velocità dei nostri in fase offensiva e alla coriacea solidità difensiva che hanno accompagnato i piccoli per tutta la competizione, i giovani biancorossi alla fine hanno la meglio e ci regalano un terzo posto che entusiasma gli atleti, l'educatrice Martina Meoli, finalmente ripagata dal costante impegno profuso, e i genitori che con partecipazione ed entusiasmo seguono senza sosta i loro figli in giro per la Toscana e oltre.

Coesione e tenacia quindi le parole chiave per riassumere questo fine settimana, e sostegno, certo, perchè una squadra si costruisce prima di tutto in campo, ma anche fuori. E di questo andiamo fieri, perché sono le esperienze come questa che cementano le basi per andare avanti, insieme.

 

Testo e foto di Tommaso Martinoli

FORZA E ONORE – FREDDO, FANGO E PIOGGIA NON FERMANO IL FIRENZE 1931

FORZA E ONORE - FREDDO, FANGO E PIOGGIA NON FERMANO IL FIRENZE 1931

UNDER 14 - 29° Torneo Città di Mogliano, 4° tappa del Super Challenge

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931

Mogliano Veneto TV, Stadio Maurizio Quaggia - domenica 11 marzo 2018 ore 9.00

 

Sono le strade del piccolo paese di Mogliano Veneto a sentir cantare a squarciagola, sabato 10 marzo, le note di “Maledetta Primavera”. I nostri ragazzi dell’Under 14 del Firenze Rugby 1931, di ritorno dal ristorante hanno intonato quello che ormai sembra esser diventato il loro inno di festa alla vita ed al piacere di stare insieme. Sveglia alle ore 6,45, colazione ore 7,00 ritrovo al “Quaggia” ore 8,00 per briefing allenatori, adempimenti burocratici e riscaldamento di rito. Anche in questa Quarta Tappa del Superchallenge Under 14 i nostri non sono particolarmente fortunati: nel girone eliminatorio  incontrano, ancora una volta quella squadra che, a fine giornata, vincerà il Torneo. E’ il Mogliano Rugby il primo avversario, individualmente e coralmente superiori, gli antagonisti si aggiudicano l’incontro per 26 a 5. Se qualcuno però pensa che i fiorentini non abbiano venduto cara la pelle si sbaglia di grosso. Partita giocata a viso aperto con numerose bellissime azioni da ambo le parti sia in attacco che in difesa. A fine match, Beccastrini riesce a segnare la “meta della bandiera” con una bellissima doppia percussione che lo fa scivolare bassissimo oltre la linea difensiva.

La seconda partita sarà contro il Brescia. I nostri sembrano adattarsi troppo al ritmo avversario e non ripetono la brillante prestazione che aveva caratterizzato il primo incontro. Tuttavia è evidente la disparità delle forze in campo. Le sortite avversarie sembrano inefficaci e non intimoriscono troppo né i giocatori né gli spettatori. Una bella iniziativa del solito “San Pietro Maiorano” tuttavia fuga ogni dubbio. Risultato magro ma sostanziale e corposo: un 5 a zero ci assicura il secondo posto in classifica che ci manda a fare la “semi-finalina” con la seconda classificata del girone D. Dopo una lunga pausa logistica è il Franciacorta Rugby a cimentarsi nel tentativo di sbarrare il cammino dei nostri biancorossi. Gli avversari sono mediamente ben prestanti fisicamente e decisamente atletici. Mettono molta pressione, sanno placcare, salgono velocemente e tutti insieme. Ci sono tutti gli ingredienti per doversi impegnare al massimo. Il XV schierato da Biancalani e De Marco ci fa assistere ad una prestazione che da sola è valsa il viaggio, la levataccia ed il “costo del biglietto”. Tutti i nostri sono implacabili nelle ruck, non solo il pacchetto, ma anche i tre quarti si fanno valere con una modalità di protezione della palla che è quasi commovente per la grinta e la passione con la quale viene condotta. I ragazzi intuiscono, senza parlarsi, che la modalità giusta per battere l’avversario è il pick and go. Raccogli e vai, raccogli e vai … finché Vannoni  non vede il varco adatto per partire e liberare tutto il suo scatto bruciante: meta e trasformazione. Recuperata la palla si ricomincia a tessere la tela esattamente lì dove avevamo lasciato la trama e l’ordito. Raccogli e vai, raccogli e vai … Questa volta è D’Alessandro a ritenersi abbastanza vicino alla zona rossa da tentare lo sfondamento; a nulla valgono i tentativi dei difensori che si appendono chi alla maglia, chi alle braccia: la palla viene schiacciata per un pesante 14 a zero che chiude il secondo tempo. Le danze si riaprono con lo stesso spartito che i nostri hanno preso gusto a suonare. In questo caso è capitan Formigli che schiaccia l’ovale oltre la linea da posizione laterale che non viene trasformata. Prima della fine il Franciacorta vuol ricordare a tutti che non sono scesi in campo per pettinare le bambole, imbrigliano i nostri e nascondono l’ovale dietro sapienti passaggi incrociati che li portano a segnare la meta che decreta il 19 a 7 conclusivo.

Dopo pranzo la pioggia prevista arriva davvero ed è proprio come diceva il meteo: battente, torrenziale, fitta, un vero nubifragio. Ironia della sorte incontriamo i nostri ormai vecchi amici del Verona rugby nella finale per il quinto-sesto posto. Tra le panchine, gli accompagnatori e i ragazzi circola complicità e vicinanza per l’arbitraggio, con tutto il rispetto della categoria, oggettivamente disorientante. Peccato le due squadre si confrontino con l’incertezza di chi non sa esattamente in base a cosa verrà valutato il proprio intervento. Vince il Verona, ma soprattutto il rugby: si vedono abbracci sinceri e intesa nient’affatto formale tra i due gruppi che si danno un arrivederci al prossimo match.

Firenze dunque che si ritrova 15esima su 50 squadre italiane partecipanti al torneo nella classifica 2017/18 e con una tappa in meno (dunque meno occasione di far punti) di moltissime altre compagini iscritte. Tutto questo a conferma di un gruppo di allenatori e giocatori che sembrano aver davvero trovato una buona alchimia. Complimenti ad ognuno per l’ottimo lavoro svolto fino a questo momento.  

 

Testo di Giorgio D’Alessandro -  Foto di Sandro Sbolci

 

 

UNDER 12 - 3° Torneo Città di Arezzo - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931-

Arezzo, impianto sportivo Olmoponte - domenica 11 marzo 2018 ore 9.30

 

Domenica alla terza edizione del Torneo Città di Arezzo i gigliati biancorossi Under 12 portano a casa un importante primo posto che dà loro grande contentezza e fiducia nel proseguire uniti e compatti in un assiduo lavoro di gruppo. Grazie alla presenza costante degli atleti durante gli allenamenti e le preziose lezioni di allenatori come Giacomo Taiuti e Marco Magini, i ragazzi giorno dopo giorno assorbono e rendono visibili alcuni risultati. La gara si svolge in una giornata, che definirla impervia è poco, con allerta meteo per la pioggia, campi da gioco impraticabili, ma Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 sembra incurante a questo particolare anzi aumenta loro la grinta la passione e la voglia di giocare con squadre del loro girone, come Cus Siena, Livorno Rugby, Appia Rugby e Perugia Rugby. I gironi sono tre, le partite sono ad un tempo unico di undici minuti. Quattro partite giocate bene nessuna meta subita tre vinte una pareggiata su 0 a 0. Firenze arriva prima nel girone. Nella semifinale Firenze 1931 vince con Etruschi Livorno. Per giocare la finale bisogna aspettare che i ragazzi si rechino al terzo tempo, servito in una situazione davvero difficile in quanto il calpestabile è solo fango in ogni parte della struttura, mangiare ridà vigore ai nostri atleti giusto il tempo di rialzarsi e decidere di anticipare la partita per assegnare un primo o secondo posto e meno male visto l’arrivo di un altro scroscio d’acqua. I ragazzi del Firenze incontrano le Formiche Pesaro le quali hanno a disposizione alcuni giocatori davvero giganti, ma i gigliati non temono il confronto e mettono a disposizione tutta la loro generosità d’animo con placcaggi determinanti e passaggi risolutivi e una continua pressione fino alla ricerca del risultato il 2 a 1. Peccato che non ci siano state le condizioni per ricevere un’adeguata premiazione, la maggior parte delle squadre con l’insistenza della pioggia se n’è andata e dunque la consegna della coppa non ha avuto quel suo spazio e quel rituale a cui i ragazzi tengono molto, ma certo è che la squadra di Toscana Aeroporti Under 12 consolida lo spirito di squadra e porta con sé ancora più esperienza e una grande soddisfazione per la vittoria!

ALABIM!

 

Testo di Roberta Falcini - Foto di Bess Melendez

 

 

UNDER 10 - 3° Torneo Città di Arezzo - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931-

Arezzo, impianto sportivo Olmoponte - domenica 11 marzo 2018 ore 9.30

 

Nella umida e piovosa giornata di domenica 11 Marzo è andata in scena presso l’impianto sportivo Olmoponte di Arezzo, la III Edizione del Torneo Citta’ di Arezzo, che ha visto la partecipazione di numerose società rugbistiche provenienti da centro e nord Italia per categorie dalla U6 alla U12.

La pioggia copiosa caduta fino a poco prima dell’inaugurazione del torneo, ha trasformato il campo di gioco in un vero e proprio terreno di battaglia per i giovani rugbisti che non si sono comunque tirati indietro di fronte alle difficoltà ambientali e hanno dato il loro massimo.

Il Firenze Rugby 1931 si trova ad affrontare i pari età del Perugia Rugby, Gispi Prato ed Etruschi Livorno nel girone D della prima fase del torneo. Soffrono i fiorentini nei primi due incontri che li vede sconfitti contro Perugia e Prato. Si deve aspettare l’ultima gara del girone contro il Livorno per vedere un po’ di organizzazione di gioco ed ottenere la vittoria che consente l’accesso alla finalina di consolazione che vede il Firenze classificarsi dodicesimo a fine giornata.

Il guasto alle docce rende ancor più dura una giornata già piuttosto impegnativa, ma ci vuole altro per fermare i nostri ragazzi che comunque lasciano l’impianto con il sorriso e un po’ di fango sulla faccia!

 

Testo di Maurizio Amadori - Foto di Enrico Bianchini

 

 

UNDER 8/1 - 3° Torneo Città di Arezzo - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931-

Arezzo, impianto sportivo Olmoponte - domenica 11 marzo 2018 ore 9.30

 

Domenica 11 marzo una formazione dell’Under 8 del Firenze Rugby 1931 si presenta alla terza edizione del Torneo Città di Arezzo.

Le premesse non sono delle migliori, ha piovuto molto, il campo assegnato per gli incontri della nostra categoria si è trasformato in un pantano e le previsioni promettono pioggia per tutto il giorno… ma per fortuna si sbagliano e, a parte un breve scroscio, il cielo rimane solo plumbeo.

Il girone non ci sorride e ci troviamo a disputare la prima partita contro il temutissimo Perugia (che si piazzerà poi al primo posto del Torneo) ma, a differenza dell’incontro durante il raggruppamento di Siena del mese scorso, questa volta il Firenze combatte su ogni pallone e cerca di arginare ogni azione degli avversari con tanti bei placcaggi e un’ottima difesa. Dieci minuti però sono lunghi e il Perugia vince per 4 a 0.

Soddisfatti per la grinta dimostrata in una partita difficile, i piccoli biancorossi, agli ordini dell’educatrice Emma Hill, si preparano ad affrontare per la prima volta i coetanei dell’Appia Rugby. La partita inizia in salita con una meta subita a freddo, ma il carattere viene fuori e il Firenze reagisce bene, ribaltando il risultato e portando a casa una bella e meritata vittoria.

Si alza il vento e i piccoli iniziano a sentire freddo, bagnati come sono, dopo i numerosi placcaggi nelle pozzanghere e nel fango. C’è da aspettare un po’ prima dell’ultima sfida del girone contro una delle delegazioni del Gispi Prato e questo non gioca a nostro favore. In questa terza partita infatti i biancorossi faticano a trovare il giusto gioco, corrono, rincorrono, ma non riescono a fermare gli avversari, che si impongono.

Finiamo così terzi nel girone e ci aspettano le finaline per decretare la posizione nella classifica finale.

Quasi un’ora di pausa costringono l’educatrice a portare i bambini infreddoliti negli spogliatoi, dove provano a riscaldarsi con i phon e a cambiare calzini e magliette termiche ormai fradice.  Cioccolata e frutta secca e ci presentiamo nuovamente sul terreno di gioco. Dopo un po’ di riscaldamento, scendiamo in campo contro il Sesto_2, partita sulla carta alla nostra portata e tutta da giocare. Ma i nostri sono rimasti idealmente nello spogliatoio, purtroppo il freddo, il vento e lo scroscio di pioggia subito prima di iniziare questa partita, li hanno messi in difficoltà e non riescono a esprimere il buon gioco a cui ci hanno abituato ultimamente.

Avremmo dovuto giocare un’ultima partita, ma alcune squadre si sono ritirate, visto le condizioni atmosferiche, e così anche noi decidiamo che va bene così e ci avviamo verso la doccia e il meritatissimo terzo tempo.

Abbiamo assistito ad una grande prova di carattere dei nostri piccoli, ancora una volta quest’anno costretti a combattere contro freddo, fango e pioggia.

Alla fine ci ritroviamo tutti, grandi e piccini, al nostro gazebo, dove i genitori hanno allestito un meraviglioso buffet, con arista, salumi, torte e buon vino. Pioggia o no, è iniziata la stagione dei tornei e la grande famiglia dell’Under 8 non rinuncia a questi momenti di condivisione ed allegria... certo gli altri anni c’era il sole, ma che importa… alla fine è comunque questo il ricordo più bello che ancora una volta ci porteremo dietro fino al prossimo torneo Città di Arezzo!

 

Testo di Gaia Farulli -  Foto di Tommaso Martinoli

 

 

UNDER 8/2 - Raggruppamento Rugby Pistoia - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931

Pistoia, campo Pistoia Ovest - sabato 10 marzo 2018 ore 15.30

 

È una giornata di pioggia che non accenna a dare tregua. Si prospetta un concentramento impegnativo per i nostri piccoli rugbisti, nel campo di Pistoia Ovest, ormai trasformato in una distesa di fango, che crea un effetto “ventosa” da non mollare la presa. Ma i piccoli atleti del Firenze Rugby 1931 sono carichi di energia, concentrati e pronti a giocare 4 partite: Sesto 1, i padroni di casa Pistoia, Valdinievole e Lucca.

In tutti gli incontri, i piccoli del Firenze Rugby 1931 si mostrano compatti, uniti e determinati per raggiungere lo stesso obiettivo: giocare bene insieme. Non si fanno sorprendere in contropiede, se non in rare occasioni. Si cercano, si aiutano, si passano la palla e vanno dritti a meta, nonostante la pioggia e il fango rendano la palla sfuggente, così come gli avversari da placcare. È sorprendente la resistenza che i nostri piccoli guerrieri mostrano nonostante le condizioni avverse, quasi fosse una sfida contro il tempo, sostenuti dall’allenatrice Martina, sempre vigile sul gioco e sui suoi "nani".

E cosa dire dei genitori? Ancora resta il dubbio se si siano resi conto che stesse piovendo: tutti a bordo campo, con lo sguardo inchiodato sulla squadra, con una tifoseria e un sostegno inesauribile, non hanno perso un passaggio, una meta, un placcaggio...nulla! Si conclude con 2 vittorie, 1 pareggio e una sconfitta una giornata intensa e carica di emozioni: tutti infreddoliti i piccoli rugbisti, contenti e soddisfatti, corrono sotto le docce per concludere, infine, con un meritatissimo terzo tempo.

 

Testo di Silvia Valenziani - Foto di Claudio Sozio

 

 

UNDER 6 - 3° Torneo Città di Arezzo - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931-

Arezzo, impianto sportivo Olmoponte - domenica 11 marzo 2018 ore 9.30

 

Domenica i nostri piccoli atleti hanno affrontato il loro primo torneo stagionale al quale hanno partecipato squadre provenienti da tutta Italia.

Quando i nani sono scesi in campo fortunatamente la pioggia scesa incessantemente fino ad allora stava dando un po’ di tregua.

In un terreno di gioco molto faticoso per il fango e le pozze i nostri nani hanno affrontato prima il Gipsi Prato 2 non troppo convinti nonostante l’incitamento del pubblico e le indicazioni di Giulio supportato dall’accompagnatore in campo, poi il Sesto Rugby, ma è con il Perugia Rugby che hanno iniziato a scaldarsi dando il meglio nell’ultima partita del girone contro l’Appia Rugby. Nonostante le gambe appesantite ed il freddo provocato dall’essere tutti bagnati ce l’hanno messa veramente tutta aiutandosi fra loro effettuando passaggi, placcaggi, fino a giungere a meta, giocando veramente bene, mettendo finalmente in pratica tutti gli insegnamenti di Giulio. Questo meraviglioso gioco di squadra ha portato alla meritatissima vittoria, che ha permesso ai nostri nani di conquistare la finalina contro il Puma Bisenzio.

Dopo una pausa, eccoli nuovamente in campo sostenuti dal forte tifo nonostante una fitta pioggia, tanto forte da far abbandonare il campo alla squadra sfidante.

Quindi sporchi infreddoliti stanchi ma felici e divertiti tutti a fare una meritatissima doccia calda.

Sinceramente domenica sono stati veramente BRAVI TUTTI!!!

 

Testo di Valentina Orlandi -  Foto di Ilaria Chiosi

Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni

Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni

Ci sono partite che non vorresti giocare mai e partite che aspetti tutta la vita di giocare. E, a volte, partite che le racchiudono entrambe.

Ci sono momenti in cui fuori fa un freddo cane ma il cuore ti scioglie e ti scende anche qualche lacrima, non sai se di gioia o di dolore:  e come sempre, il campo da rugby torna ad essere la metafora della vita, che mentre ti toglie ti dà, che tiene tutto insieme – anche quello che spesso sembra inconciliabile.

Al Chersoni di Prato tutto questo è successo: al dolore per l’uscita definitiva dal campo di Marco* si è mescolata la gioia per poter stare shoulder to shoulder,  il sostegno è diventato qualcosa di più del raddoppio sulla spinta e l’avanzamento più importante è stato quello della voglia di giocare per tanti ragazzi (e meno ragazzi) che trovano nella palla ovale uno dei sensi della vita.

Nel clima surreale che si era creato, sono successe cose cui si fa fatica a trovare spiegazioni razionali: la meta di un Invictus (il mitico Trotta) letteralmente sospinto da tutte e due le squadre, “Forrest Gump” Erik (man of the match dei Ribolliti) che dopo aver passato la linea di meta continua palla in mano fino a Tobbiana, Il Crociani trasformato in Bearzot (severo ma giusto), Il Magio che gioca vestito come a casa (qualcuno dice in mocassini), le domande insistenti dell’allenatore degli Invictus su Gilberto, Inge che smista palloni come Dan Carter, Fabrizio (o era Vincenzo, non ricordo) che placca alla Chabal…

Non ha importanza com’è finita, non ha importanza chi ha giocato bene (oddio, uno in particolare lo ha fatto…),  non ha importanza chi è entrato prima e chi dopo:  chi c’era è tornato a casa pensando che se il rugby può fare questo, per il mondo c’è ancora speranza.

*Capitano e animatore degli Invictus, 29 anni, che ha scelto di tornare per sempre in panchina venerdì scorso - motivo per cui gli incontri con Sorci Verdi ed Invictus previsti per sabato erano stati spostati.

 “Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo d'un sogno è racchiusa la nostra breve vita.” (W. Shakespeare, La Tempesta)

LeoPiva

L’È BURIANA

L’È BURIANA

UNDER 16 Regionale

Fase 2 - Girone 2 - 4°giornata

Siena, campo sportivo Acquacalda - domenica 25 febbraio 2018 ore 11.00

FTGI Ghibellini Rugby vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 22-5

 

Marcatori: Piccoli, Renzoni R., Boschi, (2) Castellani, tr. Romei.

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931: Giannardi, Kibarian, Iervese, Lo Gaglio F., Rahmouni, Bianchini, Menicagli, Piccoli, Cecconi, Vitone, Corsi, Brogi, Toscano, Martelli, Fabbrocino, Martelli (Davio, Pagni, Conti, Starda, Younes, Fortuna)

 

All. G. Caneschi

FTGI GHIBELLINI RUGBY: Ramezzana, Renzoni D., Melojan, Zappalorti, Renzoni R., Romei, Piantini, Conti, Damiani, Boschi, Castellani, Salvi, Materazzi, Soro, Bichi (Moroni, Bruno, Cappai)

 

All. M. Barbagli

Arbitro: Sig. Genovese

 

In considerazione dell'allerta meteo e degli ultimi bollettini, le autorità invitano tutta la cittadinanza a restare a casa e a evitare spostamenti inutili, prestando particolare attenzione e prudenza soprattutto nelle prime ore del mattino, nelle ore serali e notturne per il rischio di gelate. Le normali attività sportive saranno annullate. Le partite di rugby si svolgeranno come previsto”.

 

Il rugby è, tra le altre cose, quello sport in cui l’impraticabilità di campo è un concetto inapplicabile. Nonostante la pioggia diventata presto neve, nonostante le temperature polari e il vento di buriana, su un rettangolo di gioco trasformato per l’occasione in un campo per la lotta nel fango, le squadre dei Ghibellini Rugby e la Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 non hanno rinunciato a giocare la terza partita del girone di ritorno del campionato Regionale U16. I più giovani e agili fiorentini (tutti del 2002) incontrano i più grandi, d’età e di stazza, senesi. I primi cercano di impostare il gioco sulla velocità e sulla circolazione di palla, mentre i secondi tentano di sfondare per linee dirette e di mettere in difficoltà la difesa avversaria. La partita volge subito a favore del Firenze Rugby 1931 che con una bella azione corale finalizzata in meta da Piccoli, va immediatamente in vantaggio. I Ghibellini Rugby non accusano il colpo e cominciano a macinare un gioco semplice ma efficace, affidato agli avanti che con una serie di “raccogli e vai” conquistano campo. Bravi i ragazzi del Firenze Rugby 1931 a reggere in difesa con una serie di placcaggi che mettono continua pressione agli avversari. Lo sforzo dei Ghibellini viene però premiato da una prima meta a cui ne segue una seconda realizzata di forza. La partita non è spettacolare ma giocata sul piano agonistico: il campo sempre più pesante, il pallone viscido e le mani gelide favoriscono diversi errori e impediscono di aprire il gioco e coinvolgere i tre quarti. Ne fanno le spese soprattutto i fiorentini che non riescono a trovare le contromisure e subiscono un’ulteriore meta allo scadere del primo tempo.  

Il secondo tempo è più equilibrato ma non riesce ad invertire le sorti della partita. Il Firenze Rugby 1931 gioca costantemente in attacco senza capitalizzare l’enorme sforzo fatto e riuscendo a subire un’altra meta su intercetto avversario. La partita si fa scorbutica e fallosa, l’arbitraggio pignolo e discutibile, la neve intensa e abbondante, il vento sferzante e gelido, i giocatori rigidi e intirizziti. Sarà forse per riscaldarsi o forse per sincera partecipazione ma si sentono solo applausi all’indirizzo di quei ragazzi in campo.

 

Testo di Vittorio Iervese -  Foto di Beatrice Galli

 

 

UNDER 14/1 - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Cavalieri URPS

Firenze, Ruffino Stadium Mario Lodigiani - sabato 24 febbraio 2018 ore 16.00

 

Dalle previsioni la giornata di sabato 24 febbraio avrebbe dovuto portare un abbassamento drastico delle temperature accompagnate da venti siberiani e ondate di gelo. Alle 16,00 invece un bel sole scaldava ed asciugava il campo in terra battuta del Ruffino Stadium: alcuni giurano di aver persino visto una lucertola spuntare dal ceppo di un  vecchio albero a bordo campo.

Con una certa inerzia post-carnascialesca scende in campo, come da tradizione del girone 1 dell’under 14, una squadra fiorentina prevalentemente composta da atleti del 2004. Gli avversari sono i pari età dell’Unione Rugby Prato Sesto. Le linee tirate da poco appaiono fresche e bianchissime e danno quel tocco di candore che riesce a far scordare le pozze. E’ bene che i ragazzi si abituino a partire dal basso e siano educati a non avere velleità di pratini all’inglese e campi prestigiosi: ricordiamoci che la nostra priorità è crescere uomini e non campioni. In questo senso dunque possiamo dire che abbiamo imboccato la strada giusta: se svuotassimo i pilozzi e gli acquai delle terrazze delle nostre abitazioni potremmo rifare almeno un paio di campi sportivi.

Fin dal calcio di avvio i nostri si attestano nella metà campo avversaria dove piantano saldamente le loro insegne che non saranno quasi più spostate fino alla fine dell’intero incontro. Malgrado la mole di gioco prodotta, il primo tempo è stato un po’ un supplizio, almeno visto con gli occhi di chi si appassiona alle sofferenze e le gioie dei biancorossi. A causa di alcune assenze, gli allenatori sono stati costretti a sperimentare alla mediana di mischia Edoardo Chiodi. Come sempre “Zanzara” si è fatto valere per impronta di personalità e coraggio. All’inizio però ha un po’ faticato, ovviamente vista l’inesperienza nel ruolo, ad arrivare con rapidità alla redistribuzione. Questo ha comportato un iniziale rallentamento nelle manovre offensive. Inoltre, per motivi che affondano le loro origini nell’ignoto insondabile, i nostri portatori hanno commesso numerosi errori nel gioco alla mano tanto nel passaggio quanto nel ricevimento dell’ovale: molte  azioni ben impostate si sono così concluse con mischie ad introduzione avversaria. Abbiamo così assistito per più di quindici minuti ad un buon gioco che però veniva frammentato a causa di imprecisioni e l’agognata meta faticava ad arrivare. Con una prospettiva ipercritica avremmo anche potuto lamentarci. Analizzando a mente lucida gli accadimenti, ed a posteriori è più facile, era però evidente che sarebbe stato solo questione di tempo. Gli avversari infatti superavano solo sporadicamente la metà campo e venivano ben presto “arpionati” dalla nostra efficace cavalleria leggera della tre quarti. Il solito Maiorano riesce ad inventarsi con estro la soluzione che lo conduce a schiacciare tra i pali. La meta non viene trasformata ed il risultato ancora è tutt’altro che al sicuro. Si assiste ad un crescendo, preludio della “cavalcata delle valchirie”  che caratterizzerà il secondo tempo. La prima frazione di gioco si conclude con una meta fortemente voluta da tutto il gruppo: dopo una bella azione corale caratterizzata da efficaci pick and go, D’Alessandro sfrutta la propria mole per aprirsi un varco di sfondamento tra le maglie avversarie. Si va a riposo sul 12 a zero.

Come spesso accade nel rugby, il secondo tempo rivela le proporzioni effettive delle forze che si confrontano sul campo. Ahimè quanto è stato amaro apprendere questa dura legge tifando la nostra nazionale … Per una volta dunque ci è toccata la fortuna di assistere a questo fenomeno dalla prospettiva più comoda. Le mete segnate dalla nostra compagine nel secondo tempo saranno 6: Maiorano (2), Petrone (2), Sbolci (1), Pallotti (1). La partita si conclude dunque con un eloquente 50 a 5.  Motivo di particolare soddisfazione sono state però le mete di Petrone che era partito dalla panchina. Liberatoria anche la meta di Sbolci: il mitico “Gambesecche” riesce a percorrere tutta la fascia fino alla meta. C’era qualcosa di mitologico in quell’incedere leggero e progressivo: alcuni giurano che stia ancora correndo, altri ancora sostengono che è proprio vedendo un’azione simile che Winston Groom trasse ispirazione per scrivere il suo Forrest Gump: “Corri Forrest …. Corri!!!”  

 

Testo di Giorgio D’Alessandro - Foto di Irena Palavrsic

 

UNDER 14/2 - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Titani

Firenze, Ruffino Stadium Mario Lodigiani - sabato 24 febbraio 2018 ore 17.00

 

Un Firenze Rugby 1931 che ha lottato fino alla fine e che ha compensato il gap fisico rispetto agli avversari con un buon sostegno e carica agonistica. Si può sintetizzare così la partita che la squadra del Firenze2 composta quasi totalmente da ragazzi del 2005 ha disputato sabato al Padovani contro i Titani.

Partono ben concentrati i ragazzi del Firenze 1931 caricati da Capitan Beccastrini, che iniziano la partita lottando su tutti i palloni. Per ben tre volte Cortopassi, oggi al suo debutto nella squadra del Firenze 1931 (che debutto…!), riesce a passare la difesa dei Titani e per tre volte va in meta. Metti, preciso nelle trasformazioni assesta il punteggio sul 26 a 0. E proprio le trasformazioni, a fine partita, saranno decisive per il Firenze per vincere la partita… Dopo una meta dei Titani è Beccastrini, oggi nel ruolo di terza centro, che esce palla in mano da una mischia e riuscendo a evitare il placcaggio di 4 avversari schiaccia in mezzo ai pali.  Il primo tempo si conclude quindi sul 28 a 5. La partita sembra incanalata verso una facile vittoria del Firenze ma  nel secondo tempo i Titani reagiscono con orgoglio facendo prevalere la loro maggiore fisicità, con azioni ripetute per le vie centrali che piano piano logorano la difesa del Firenze. Nella seconda metà del secondo tempo con azioni prolungate i Titani vanno in meta ben 5 volte trasformando però solo una volta. Il Firenze risponde con due mete ancora di Cortopassi in contropiede e di Miniati a conclusione di un’azione dei trequarti sulla fascia. L’incontro si chiude così sul 40 a 32 per il Firenze. Da rilevare la grinta e la coesione messa in campo fino all’ultimo minuto da tutti i ragazzi del Firenze Rugby 1931. Onore ai ragazzi dei Titani decisi a recuperare gli avversari e che escono sconfitti nonostante abbiano realizzato ben 6 mete come quelle dei biancorossi.

Il consueto Alabim a fine partita corona l’impegno degli esausti ragazzi del Firenze 1931.

 

Testo di Luca Beccastrini - Foto di Alessandro Metti

 

UNDER 12 - 1°Crete Senesi Rugby SUPER 12

Rapolano Terme, Stadio U. Passalacqua - domenica 25 febbraio 2018 ore 10.30

 

La Società Crete Senesi Rugby ASD, per la prima volta organizza l’evento denominato SUPER 12, che  prende spunto e rimodula l’analoga iniziativa denominata SUPERX portata avanti in Veneto dalla Società Rugger Tarvisium. Crete Senesi Rugby ospitano al campo Ubaldo Passalacqua di Rapolano Terme ben 16 squadre come Etruschi Livorno, Firenze Rugby 1931, Livorno Rugby 1931, Florentia, Cecina, Scandicci, Vasari, Cus Siena, Gambassi, Montelupo Empoli, Colligiana, Polisportiva Sieci, Crete Senesi, Puma Bisenzio, Sesto Rugby e Rugby Perugia Junior.

Tutto sembra perfetto, unico inconveniente il maltempo che già da tre giorni mette neve. Il torneo essendo alla sua prima edizione dispiace doverlo rimandare e poi la neve arriverà nel pomeriggio per cui proviamo...L’Under 12 del Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 si presenta con un buon numero di giocatori accompagnati dal coach Giacomo Taiuti, più quattro prestati a formare una squadra mista detta Toscana Rugby. Alla prima partita giocata con Montelupo Empoli il Firenze riesce a passare in vantaggio, ma impiegando grande energia perchè il freddo congela diversi giocatori costretti a fermarsi malgrado la voglia di giocare. I ragazzi per fortuna possono riscaldarsi negli spogliatoi aspettando la seconda partita e ultima.  Il Torneo non può andare avanti vista la neve fitta che scende giù. I gigliati bianco rosso in quella mezz’ora a stretto contatto nello spogliatoio nella difficoltà di superare il freddo patito svoltano pagina e si caricano in modo sorprendente tra di loro per giocare altra partita con il Siena. E se sono venuti fin qua con “Saturno contro” allora diamo un senso a questa giornata! Infatti il risultato arriva anche questa volta e poi anche la terza e quarta partita finiscono con altro risultato positivo. Il Torneo termina e di corsa al terzo tempo per poi ripartire e provare ad evitare il peggio sulla strada.

Un misto di emozioni si provano ogni volta che si partecipa a questi eventi in particolare ad un messaggio ricevuto come questo: “La  Società Crete Senesi ringrazia tutti di aver partecipato e di avere rappresentato in modo stoico e coraggioso il maltempo. Ci dispiace non avere potuto dare corso ai programmi prefissati ma il tempo ha fatto la sua parte. Un grazie particolare ai ragazzi che hanno giocato con questo freddo…e ammirazione a quelle società venute in comitiva anche con i pulmann.. grazie davvero”.

ALABIM!

 

Testo di Roberta Falcini -  Foto di Bess Melendez

 

 

UNDER 10 - Raggruppamento Livorno rugby - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931

Livorno, campo Maneo - domenica 25 febbraio 2018 ore 10.30

 

Un freddo pungente ed una pioggia gelida - che è diventata nevischio quando i ragazzi avevano ormai finito di giocare - hanno fatto da cornice a Livorno al concentramento organizzato domenica dal Livorno Rugby, presenti, oltre alla squadra organizzatrice, il Florentia, il Sesto Rugby (con due squadre) e il Firenze Rugby 1931. Si è trattato per i ragazzi biancorossi di un raggruppamento dai due volti: durante le prime due partite, contro Florentia e Sesto 2, si è visto un bel gioco collettivo, con molti passaggi e rack ben eseguite, che ha portato il Firenze a segnare con continuità; nelle successive due, contro Livorno e Sesto 1, la concentrazione, complici le impegnative condizioni meteorologiche, è visibilmente calata, determinando un gioco meno fluido e qualche errore "ingenuo".  Una doccia calda ed un piatto di pasta fumante hanno contribuito a risollevare gli animi intirizziti. Un ringraziamento al Livorno Rugby per la calorosa accoglienza, nonostante Burian!

 

Testo di Marco Raffini - Foto di Martina Giuffrè

 

 

UNDER 8/1 - Raggruppamento Amatori Cecina - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931

Cecina LI, campo Castellani - domenica 25 febbraio 2018 ore 10.30

 

Domenica 25 febbraio 2018: il principale argomento di conversazione è il tempo. Così, mentre i nostri piccoli rugbisti si dirigono verso Cecina, anche la corrente siberiana fa lo stesso percorso, regalando ai presenti una mattinata di freddo intenso e pioggia mista a neve che segnerà inevitabilmente lo svolgimento del raggruppamento.

Archiviata per ovvi motivi metereologici la presenza degli amici dell’Elba Rugby, rimangono solo tre squadre: oltre ai nostri si presentano a sfidare il Burian due compagini dei padroni di casa del Rugby Cecina e una formazione del Rufus San Vincenzo.

Il Rugby, per propria natura, tende a concedere molto spesso racconti che sfociano nell’epica, quasi nella leggenda. Bene, senza spingerci troppo in là possiamo limitarci a raccontare quella che probabilmente rimarrà nella memoria dei nostri piccoli atleti come una delle prove più dure affrontate nella loro giovane esperienza sportiva.

Agli ordini dell’educatrice Martina Meoli i nostri piccoli affrontano ogni partita con grande grinta e con uno spirito di squadra invidiabile. Si cerca di lasciar passare poco tempo tra una partita e l’altra per non far freddare i bambini e contemporaneamente si prova a scaldarli con un tè caldo.

Il vento batte, l’acqua gelata sferza i loro visi attenti ma non limita la volontà e l’abnegazione. Al termine di questa difficile mattinata, due vittorie su tre partite premiano  i biancorossi del Firenze Rugby 1931.

Alla fine ci troviamo a commentare ancora una volta e a chiederci chi ha vinto. I piccoli? I genitori? Gli educatori? Come spesso succede la risposta è quasi scontata ma non banale: ha vinto lo spirito di questo sport che prova a forgiarli, insegnargli ed educarli anche nelle condizioni più difficili.

Dunque epica? Mitologia? Leggenda? No di certo, ma ci piace strizzare l’occhio all’idea che ci siamo fatti nel vederli in campo, cosparsi di fango, nel gelo del vento siberiano, e ci piace ricordarli così, come dei piccoli eroi che, nel loro piccolo hanno veramente lasciato un segno nelle loro memorie di bambini e hanno reso noi orgogliosi di averli accompagnati.

 

Testo e foto di Tommaso Martinoli

 

 

UNDER 8/2 - Raggruppamento Rugby Iolo 1982 - TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931

Iolo PO, campo Chersoni - sabato 24 febbraio 2018 ore 15.30

 

Eccoci di nuovo impegnati con i nostri fantastici bimbi, nel sabato che precede la tempesta di neve perfetta che tutti prevedono.

Il tempo, però, è clemente in quel di Prato; al campo Chersoni, infatti, ci accoglie il sole e un girone che si preannuncia “tostarello”.

Non si fa in tempo ad accorgersi di essere entrati in campo che i padroni di casa dello Iolo prendono per 11 volte la palla e fanno 11 mete. Noi non superiamo la metà campo.

Contro il Florentia 2 è tutta un’altra storia: i bimbi corrono si passano  la palla costruiscono e cedono solo nel finale (Firenze 1931 – Florenzia 2  2 a 7).

Con Pistoia è una rivincita a distanza di 2 settimane: li conosciamo e si vede. Siamo sempre in vantaggio, li aspettiamo per placcarli e ripartiamo, segnano tutti; peccato per quell’ultima meta, a freddo...si perchè Burian sta arrivando (5 a 5).

Florentia 3 è l’ultima partita, quella che non ti aspetti: bimbi compatti, disciplinati tengono testa ad una squadra ancora troppo forte per loro....finisce 7 a 3, ma tutti contenti.

La cronaca “del campo” finirebbe qui, con una frase del tipo: “È mancata solo la vittoria”. Chi vi scrive però, non è né un giornalista sportivo né un esperto di rugby, quindi...non si fa in tempo a finire le partite che i “nanetti” si aiutano a vicenda a sistemare i lacci delle scarpe, si allontanano sostenendosi come se avessero appena fatto le “spartans”, si scambiano caramelle negli spogliatoi perchè la fame incombe. E poi?

Succede che la tempesta “di freddo” che tutti aspettano comincia a farsi sentire anche negli spogliatoi, un bimbo esce dalla doccia in accappatoio infreddolito, un altro “nanetto”, già asciutto, vestito e pronto per sedersi al tavolo del terzo tempo lo abbraccia per riscaldarlo e, preoccupato, corre a prendere il suo giubbottone per farglielo indossare.

Non esiste una vittoria più bella! Un mondo in cui un padre vorrebbe che il figlio continuasse a crescere.

 

Testo e foto di Maurizio Catapano