L’Under 18 vince a Siena

Una prova opaca per la conclusione del girone di andata del Campionato Tosco-Umbro

Firenze, 9 dicembre 2013

Nell’ultima giornata di andata del campionato regionale Tosco-Umbro i biancorossi incrociano i pari età del CUS Siena sul faticoso sabbione dell’Acqua Calda. I fiorentini partono in sordina, i neri senesi mostrano determinazione e aggressività nei punti d’incontro e una mischia ordinata molto efficace che entra immediatamente in sintonia con l’interpretazione del direttore di gara. Contrariamente agli avanti fiorentini che subiscono la situazione senza mai riconquistare un ovale e perdendo la maggior parte delle proprie introduzioni. Meglio, decisamente, in touche dove i gigliati sono più organizzati ed efficaci. Ma anche nel gioco aperto i biancorossi dimostrano una certa supponenza e balbettano nell’esprimere i consueti livelli di prestazione.

Dopo quattro minuti di gioco a muovere il tabellone del punteggio è proprio la squadra locale che mette tra i pali un calcio di punizione accordato nei 22 fiorentini. I primi venti minuti della partita vedono Siena battagliera in mezzo al campo a stroncare le velleità delle percussioni degli avanti gigliati, belle le penetrazioni di Mori, Burattin, Casini, Fabbri che non vengono tuttavia supportate adeguatamente dal sostegno dei compagni. Siena potrebbe addirittura raddoppiare il suo esiguo vantaggio con un nuovo calcio di punizione, centrale, dalla lunga distanza, non realizzato. Falleri, dalla panchina, esorta i propri a uscire dal torpore e a sviluppare il proprio gioco anziché subire quello degli avversari e una prima reazione si concretizza in una bella azione corale che assorbe avversari a contrastare l’azione degli avanti, Dragoni apre rapidamente al largo dove lavorano bene i centri nella trasmissione della palla ed è l’estremo Matteo Santoni a tuffarsi in meta. E’ il 24’ minuto di gioco e il punteggio cambia in 3-5. Pochi minuti ancora e Firenze costruisce un’altra azione di pregio in velocità, dove Vieri Caneschi impone le proprie frequenze elevatissime agli inseguitori e sigla di nuovo. Ismaili centra anche la difficile trasformazione e si va al riposo sul punteggio di 3-12.

Al riposo Falleri ne ha per tutti, visibilmente insoddisfatto chiede alla squadra, prima di tutto, di sintonizzarsi sul metro valutativo del direttore di gara per non incorrere nelle continue infrazioni che hanno spezzettato il ritmo delle azioni e concesso ai locali di esaltarsi nella buona organizzazione della propria mischia e in secondo luogo di esprimere finalmente il gioco di cui la squadra può essere capace. L’allenatore fiorentino utilizza gradualmente – ma fin dal primo minuto della ripresa – la profondità e la qualità della panchina. Al secondo minuto della ripresa una nuova azione in rapidità lungo l’out di sinistra consente a Vieri Caneschi di andare nuovamente a segno e a Ismaili di arrotondare con la trasformazione tra i pali: sembra l’inizio di un positivo atteggiamento che conduca il match totalmente sotto il controllo biancorosso, ma non è così. I gigliati ripiombano nell’inconcludenza di azioni personali e malamente sostenute, soffrono la buona, orgogliosa, difesa senese, mancano di rapidità nell’adeguarsi alle situazioni e il gioco non riesce mai a decollare. La meta che vale il punto di bonus viene solo sfiorata, due volte: prima il pilone Bussotti schiaccia la palla alla base del palo – ma il direttore di gara non convalida – poi l’estremo Logi si divora una superiorità numerica e viene fermato a un metro dalla fatidica linea. La sfida in mezzo al campo diventa nervosa, il direttore di gara dispensa espulsioni temporanee e i biancorossi vanno in vantaggio – purtroppo – anche in quella graduatoria: un giallo per Siena, due per Firenze. Finisce così col punteggio di 3-19 una partita diventata grigia come il cielo senese, la prova più opaca della stagione, anche a detta del tecnico Falleri. I ragazzi festeggiano la vittoria con il consueto rito ma ad attenderli c’è tutto lo scontento e l’irritazione del proprio allenatore per la modestia della prova esibita. Firenze porta a casa quattro punti utili per la classifica ma anche tutta la consapevolezza di essersi espressa davvero sottotono.

CUS SIENA – AEROPORTO FIRENZE RUGBY: 03-19 (p.t. 3-12)

Marcatori: 4’ c.p. CUS Siena (3-0); 24’ m. Santoni M. (3-5); 28’ m. Caneschi tr. Ismaili (3-12).
S.T.: 2’ m. Caneschi tr. Ismaili (3-19)

Aeroporto Firenze Rugby: Santoni M., Caneschi, Cervellati N. (cap.), Ismaili, Santoni P., Dragoni, Nidiaci, Burattin, Michelagnoli, Kapaj, Mori, Ferrami, Casini, Bartolini, Fabbri. A disposizione: Bussotti, Caroti, Biagini, Bulli, Cervelli, Cervellati A., Logi.
Allenatore: Marco Falleri

Testo e Foto: Effecì