Serie A: da Recco due punti pesanti

I fiorentini, sconfitti chiudono comunque il match in rimonta e sotto break – giovani sugli scudi

Recco, 1 dicembre 2013

Aeroporto Firenze esce sconfitta 26 a 20 dal confronto al Carlo Androne di Recco con 4 mete segnate e senza sfruttare nessuno degli 11 potenziali punti dalla piazzola: giornata no di un Falleri oggi non ispirato che manca 4 trasformazioni e un calcio piazzato. Questa l’unica nota negativa della trasferta ligure. I gigliati infatti rientrano a Firenze con due punti bonus pesanti dati dalla differenza di meno di sette punti e dalle 4 mete segnate – prima meta in A biancorossa di Ghini e Meroni – che valgono una vittoria sia per l’andamento della gara che per l’averli conquistati su un campo difficile come quello del Pro Recco. Tre sole note per dare il giusto valore alla prova dei ragazzi di Sordini: turn over rispettato dal tecnico gigliato con conseguente abbassamento della già bassa età media degli schierati in campo, fine della partita sotto break (-6, fino ad adesso a Recco ha fatto meglio solo l’Accademia finendo la partita a -5), parziale 2° tempo 7 a 15 a favore dei fiorentini. Un crescendo che deve accompagnare la squadra verso il big match contro Udine di sabato prossimo al Cavallaccio, friulani sconfitti oggi nel confronto con il Colorno.

Il match inizia con la metà dell’ex Rapone in maul avanzante dopo una touche sui 5 m del Firenze. Reazione aggressiva dei biancorossi che costringono gli avversari al fallo, ma Falleri non centra i pali. Buona fase difensiva dei fiorentini che guadagnano una mischia sui 22, fallo del Recco e sulla ripartenza veloce si arriva a una touche sui 5 persa malamente dal Firenze. Gioco aggressivo gigliato in difesa buon piede in attacco ma certe disattenzioni difensive portano alla seconda meta trasformata del Recco. Reazione coraggiosa e aggressiva dei fiorentini con ottimo break di Broglia che con il buon sostegno di Marucelli porta alla meta di Meyer al largo che concretizza varie generose fasi di gioco della mischia fiorentina con un’ottimo sostegno su Di Francescantonio. Nei minuti seguenti grazie ad un errore di placcaggio Recco riesce a bucare sull’ala e a riportarsi in meta con Bisso per chiudere il primo tempo sul 19 a 5.

La ripresa riprende con un maul avanzate per la Pro Recco il Firenze regge la spinta ma Agniel si fa strada con uno slalom segnando per i liguri dopo tre minuti di gioco. Si riparte da un recupero del pallone su attacco di Recco, e si arriva a una touche sui 5 per i gigliati. Passando per una ripartenza di Parri si innescano varie ruck ripetute, fino ad arrivare alla meta avversaria ma i liguri riescono a liberare in touche. Dopo due ruck ben impostate conseguenti a una bella giocata al largo sul cambio di fronte Rios – schierato a 10 – passa la palla a Ghini che fa meta alla bandierina. Dopo il giallo a Bacerra e in successione quello a Fantoni sugli sviluppi di una touche in attacco per Recco, Ricci recupera il pallone nei 22 e calcia in profondità e si conquista un calcio di punizione per tenuto a terra. Dalla conseguente touche, Broglia riparte da maul, dalla seguente ruck palla fuori e Semoli schiaccia alla bandierina imbeccato da Rios. A pochi minuti dal termine ci si riversa in pressione offensiva. Su una liberazione al piede recchese Mené recupera la palla e sul conseguente calcio viene placcato in ritardo. Dalla touche per il Firenze ne segue una fase concitata di gioco con buon possesso gigliato. Da una touche a tempo scaduto si riparte con il maul che manda Meroni per la meta bonus nei minuti di recupero.

“Portiamo 2 punti a casa e aver fatto 4 mete, conta ha come una vittoria. – esordisce soddisfatto coach Sordini – Noi tecnici siamo molto soddisfatti, perché abbiamo creato tantissimo in una partita dove abbiamo fatto turn-over e dove ci siamo permessi di tenere sei titolari a riposo, Santi, Ippolito, De Castro, Viviani, Fortunati Rossi, Nava. Questo ci rincuora molto. La cosa che mi da più gioia, a parte i due punti che ci permettono di muovere la classifica, è anche l’aver fatto quattro mete. Questo vuol dire che finalmente ci stiamo sbloccando sul discorso di non riuscire a finalizzare le nostre azioni, e questo ci mancava tantissimo. Abbiamo migliorato sul fatto di giocare davanti alla difesa e aver fatto 4 mete contro una delle prime in classifica ci fa capire di avere i mezzi per crescere ancora di più. Ora ci prepariamo allo scontro di sabato che è fondamentale. Andiamo a incontrare Udine, che è sopra di noi di 2 punti e che è quartultima, con la quale ci giocheremo il nono posto, il nostro obiettivo stagionale. La posizione che ci permetterà di raggiungere la salvezza ed essere fuori dalle tre posizioni finali per la retrocessione. Detto questo dopo aver consolidato la nona posizione potremmo levarci tutte le nostre soddisfazioni.”

“Sono contento perché sui punti di rilancio del gioco abbiamo fatto bene anche se la mischia ha fatto turn-over. – conclude Sordini – Abbiamo cambiato quasi completamente la prima linea, e la mischia ordinata è andata molto bene. È rientrato finalmente Rios dall’infortunio e ha giocato molto molto bene. Finalmente ho la possibilità di farlo giocare al numero 10, lui è molto contento e si è espresso benissimo. Devo dire che 2 punti a Recco sono difficili per tutti, per noi è come aver centrato una vittoria oggi.”

Recco (GE), campo Carlo Androne, domenica 1 dicembre 2013, ore 14.30.
Serie A, girone 1, 8^ giornata di andata

AIRCOM PRO RECCO v AEROPORTO FIRENZE RUGBY 26-20 (19-5) (punti 5-2)

Marcatori: P.t.: 4′ meta Rapone (5-0), 26′ meta Neri tr Zanzotto (12-0), 34′ meta Meyer (12-5), 39′ meta Bisso tr Zanzotto (19-5). S.t.: 3′ meta Agniel tr Zanzotto (26-5), 22′ meta Ghini (26-10), 30′ meta Semoli (26-15), 40′ meta Meroni (26-20).

Pro Recco: Gonzalez (1′ st Becerra), Bisso (13′ st Villagra), Breda (1′ st Agniel), Torchia, Neri, Zanzotto, D’Agostini, Devoto, Rosa (7′ st Vallarino), Orlandi (18′ st Metaliaj), Narcisi (27′ st Maggi), Bonfrate, Rapone, Noto (1′ st Bedocchi), Cafaro. A disposizione: Casareto. All.: Villagra

Aeroporto Firenze Rugby: Beretta, Marucelli (10′ st Semoli), Ghini, Meyer, Di Francescantonio (1′ st Rios), Falleri, Menè, Parri, Bianchini (26′ st Ricci), Broglia (1′ st Chiostrini), Ciampa (10′ st Piccioli), Savia (26′ st Soldi), Fantoni, Fanelli (38′ st Meroni), Bianco G. A disposizione: Bianco S. All. Sordini-Segundo

Arbitro: Palladino di Torino
Cartellini gialli: 26′ st Becerra (Recco), 27′ st Fantoni (Firenze)

Serie A – Girone 1 – VIII giornata – 01.12.13 – ore 14.30
Pro Recco v Firenze Rugby 1931, 26 – 20  (5-2)
Rugby Udine v Rugby Colorno,   28 – 33  (1-5)
Rugby Banco di Brescia v Rubano Rugby,   21 – 13  (4-0)
Romagna RFC v Franklin&Marshall Cus Verona,   14 – 23  (0-4)
Accademia FIR v Lyons Piacenza,  20 – 36  (0-4)
RC Valpolicella v L’Aquila Rugby 1936,   09 – 09  (2-2)

Classifica:
L’Aquila Rugby 1936 punti 33; Rugby Colorno punti 32; Lyons Piacenza e Recco punti 29; Accademia FIR punti 27; Cus Verona punti 23; Valpolicella e  Rugby Banco di Brescia punti 17; Udine punti 10; Firenze punti 8; Rubano punti 5; Romagna punti 0.

Prossimo Turno domenica  8 dicembre 2013
Cus Verona – Pro Recco; Rugby Colorno – Valpolicella; Rubano – Romagna; L’Aquila Rugby 1936 – Accademia FIR; Lyons Piacenza – Brescia; Firenze – Udine.

Jacopo Gramigni – Foto Beppe D’Andrea