Aeroporto Firenze tiene solo un tempo con l’Accademia FIR Under 20

Buon lavoro iniziale dei biancorossi ma poi gli Azzurrini prendono il sopravvento 

Firenze, 11 febbraio 2014

Nell’anticipo della seconda giornata di ritorno del campionato di serie A1, Aeroporto Firenze tenta il colpaccio a Parma contro l’Accademia FIR Under 20 ma tiene solo la prima mezz’ora di gioco. Il vantaggio iniziale conquistato con un buon lavoro del pack biancorosso non regge il ritorno dei padroni di casa che nel secondo tempo prendono il largo. Una supremazia in mischia, quella fiorentina, che non porta i necessari frutti per staccare gli accademici di De Marigny e Prestera che nella ripresa approfittano della coperta corta di un’organico gigliato pesantemente penalizzato da infortuni e squalifiche. Purtroppo Aeroporto Firenze non esce bene da questi primi due turni di ritorno. La necessità di raccogliere punti con tutte le avversarie ha esposto i ragazzi di Sordini e Cagna ad un tour de force pesante con due formazioni di prima fascia che in altre condizioni di classifica sarebbero state potute affrontare con un altro approccio. Ora c’è da leccarsi le ferite perché inizia il vero campionato. Stanno arrivando gli scontri con squadre più alla portata, a cominciare dal Colorno, ed è lì che il buono che si è fatto vedere in questi primi due match dovrà essere messo veramente a frutto.

Il primo tempo si apre con con un piazzato di Pasini per l’Accademia, che sin dall’inizio subisce e buon lavoro dei primi otto uomini biancorossi. La meta del vantaggio gigliato non tarda ad arrivare e la realizza Santi con una meta di mischia che porta i fiorentini sul 5 a 3. Gioco molto corretto e ordinato e buon lavoro dei biancorossi sui punti d’incontro che verso la fine del primo tempo forti della supremazia sugli avanti chiedono mischia su un calcio di punizione a pochi metri dalla meta dell’Accademia. Ad un passo dalla meta tecnica per i ripetuti cedimenti della mischia azzurra, si perde l’occasione per andare in meta. Sul capovolgimento di fronte è invece l’apertura Pasini che trova il varco per mandare in meta Crotti e portare la sua squadra in vantaggio per 10 a 5 in chiusura di primo tempo.

Il secondo tempo è di marca azzurra. Problemi in touche rendono meno solido il pack gigliato e all’8′ è Cisse ad approfittare di un calcio stoppato che gli apre la strada della meta per il 15 a 5. I fiorentini accusano il colpo e si fanno trovare impreparati su una touche veloce che i padroni di casa sfruttano per mandare in meta Boccardo per il temporaneo 22 a 5. La rimonta degli accademici si ferma solo dopo l’ultima meta e seconda per Cisse segnata quasi al termine delle contese su maul avanzante che porta il XV di De Marigny e Prestera sul punteggio finale di 29 a 5 dopo il quarto piazzato realizzato da Pasini.

Coach Sordini a fine partita: “Abbiamo fatto un ottimo primo tempo dove abbiamo avuto tanto possesso palla che però con grande rammarico non siamo riusciti a sfruttare. Per la prima volta rispetto al girone d’andata abbiamo avuto la mischia ordinata dominante, con il numero otto che poteva ripartire dalle fasi statiche. Abbiamo conquistato anche diverse mischie loro, semplicemente con la spinta ma purtroppo abbiamo finalizzato poco. Con tutte queste mischie a favore non abbiamo portato punti a casa, se non in un’occasione in cui con una mischia 5 m siamo andati in spinta e siamo entrati in meta. In un’altra occasione su un calcio di punizione a 10 m dalla meta abbiamo chiesto mischia, la mischia è crollata  c’è stata data una punizione abbiamo chiesto mischia di nuovo, Alla terza mischia, una situazione che poteva essere fatale per l’accademia perché al terzo fallo ripetuto l’arbitro avrebbe potuto concederci la meta tecnica in mezzo ai pali e forse anche con cartellino giallo, noi non siamo stati in grado di sfruttarlo. La palla è uscita rapidamente dai piedi del numero 8 ci siamo un po’ complicati la vita e non siamo riusciti a segnare.”

“Quella è stata una fase molto importante dove saremmo riusciti, non dico a chiudere la partita, ma che avrebbe dato molta energia al gruppo e forse  saremmo riusciti a mettere sotto L’Accademia. Nel secondo tempo loro si sono presentati molto aggressivi e molto ordinati, la preparazione fisica di questa squadra ha fatto la differenza e purtroppo noi non abbiamo avuto la capacità di reagire e siamo andati sottoterra, commettendo sempre più errori e non avendo la stessa capacità che abbiamo avuto contro L’Aquila di combattere iino all’80’. Mi dispiace di aver giocato un primo tempo senza realizzare punti e un secondo tempo con una squadra irriconoscibile, neanche l’ombra di quella che abbiamo avuto contro L’Aquila. Spero contro il Colorno domenica prossima in casa di ritrovare nei miei ragazzi la stessa performance che abbiamo fatto contro gli aquilani. L’unica nota positiva, niente cartellini gialli. Dal punto di vista della disciplina siamo stati più ordinati noi di loro, anche perché probabilmente, c’era una nostra predominanza fisica sui punti di incontro e sulla mischia ordinata, purtroppo ripeto non sfruttata. Una predominanza che avevamo pur con due piloni titolari fermi per infortunio, Chiostrini e Gambineri. In prima linea è sempre una battaglia, chiedere le mischie sui calci di punizione è una scelta tattica, però la squadra la finisci. Se avessi avuto due piloni freschi sarebbe stato diverso, invece ho dovuto far giocare Fantoni, che non era al meglio per un infortunio che sta recuperando. Cinque uomini di prima linea avevo a disposizione, neanche sei, quindi siamo stati sempre rimaneggiati. L’indisciplina e gli infortuni pesano tantissimo sulle squadre che hanno un organico come il nostro.”

Parma, Stadio “XXV Aprile” – sabato 8 febbraio 2014
Serie A, XIII giornata

ACCADEMIA FIR FRANCESCATO v AEROPORTO FIRENZE RUGBY 29-5 (10-5)

Marcatori: p.t. 13′ cp Pasini (3-0); 27′ m. Santi (3-5); 34′ m. Crotti tr Pasini (10-5); s.t. 8′ m. Cisse (15-5); 21′ m. Boccardo tr Pasini (22-5); 35′ m. Cisse tr Pasini (29-5).

Accademia FIR Francescato: Miotto (35′ Gabbianelli); Crotti, Baruffato (21′ Paletta);Ciju (8′ Musso) Lombardo, Pasini, Boccarossa (CAP), Boccardo, Zanetti, Cisse, D’Onofrio, Chiappini, Casini, Ferro (31′ Daniele) Dallavalle (12′ Bigoni) All.: De Marigny-Prestera

Aeroporto Firenze Rugby: Beretta (17′ Ghini), D’Andrea (40′ Petrangeli), Semoli , Rios, Meyer, Nava, Difrancescantonio (7′ Mené) Broglia (40′ Bianco S.),Santi, Fortunati, Pardi, Soldi (32′ Ciampa), Piccioli, Fanelli (CAP)(35′ Fantoni), Bianco G. (36′ Meroni). All.: Sordini-Cagna

Arbitro: Damasco (Napoli)
G.di L.: Gobbi, Magri
Cartellini: Nessuno

Serie A – Girone A – XIII giornata – 09.02.14 – ore 14.30
Accademia FIR v Aeroporto Firenze Rugby  29 – 05    (5-0)
RC Valpolicella v Pro Recco  29 – 12  (5-0)
Rugby Brescia v Rugby Colorno  20 – 16  (4-1)
Lyons Piacenza v Rubano Rugby   33 – 19  (5-0)
Rugby Udine v Romagna RFC   17 – 06  (4-0)
L’Aquila Rugby 1936 v Franklin&Marshall Cus Verona  23 – 17  (4-1)

Classifica
L’Aquila Rugby 1936 punti 56; Recco punti 44; Lyons Piacenza punti 42; Accademia FIR punti 41; Valpolicella punti 39; Cus Verona punti 38; Rugby Colorno punti 36; Rugby Banco di Brescia punti 23; Udine punti 18;  Rubano e Aeroporto Firenze Rugby 14;  Romagna punti 6.

Prossimo Turno domenica 16 febbraio 2014
Recco – Lyons Piacenza;  Aeroporto Firenze Rugby – Colorno;  Rubano – L’Aquila Rugby 1936; Romagna – Brescia;  Udine – Accademia Federale;  Cus Verona – Valpolicella.

Jacopo Gramigni