Categoria: SQUADRE

Serie C1: Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 riparte di slancio

Davanti un bel pubblico, i biancorossi superano brillantemente lo Sporting Etruria Piombino

Firenze Domenica 2 dicembre, per la sesta giornata del campionato di Serie C, Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 affronta lo Sporting Etruria Piombino tra le mura di casa del Ruffino Stadium Mario Lodigiani. 

Davanti ad un folto pubblico, nella stessa giornata si era assistito ai successi dell’Under 18 e dei Cadetti de I Medicei, i ragazzi di Sposato e Cerchi hanno gIocato una partita brillante e ricca di contenuti, incontrando negli avversari una squadra ben preparata e ben messa in campo. 

Toscana Aeroporti Firenze 1931 si impone con un 18 a 5 frutto di tre mete ben elaborate, costruite con l’abilità e la pazienza necessarie per superare la difesa ferrea dei piombinesi. 

Dopo l’incoraggiante match della settimana precedente, i fiorentini hanno mostrato un gioco brillante e ricco di azioni alla mano, che non hanno mancato di divertire il pubblico. 

Primo tempo nel segno dei padroni di casa: i fiorentini mettono a segno due mete che indirizzano il match nella loro direzione. Quando tutto sembra sotto controllo, all’inizio del secondo tempo, Ippolito riceve un cartellino rosso. A complicare ulteriormente il quadro, Piombino va a segno immediatamente, portandosi sotto break e dando l’impressione di riprendere in mano le redini del gioco. 

Buonissima le reazione dei fiorentini che, malgrado resti da giocare mezz’ora, si compattano e vanno a segnare la terza meta, piazzano un calcio quasi in chiusura di match e sfiorano la quarta segnatura, che avrebbe consegnato il punto di bonus.

Meritato il man of the match al seconda linea Carlo Bosoni, ma una menzione speciale va anche a Niccolò Magro, all’esordio assoluto in qualità di mediano di mischia. 

È stata la bella conclusione di un fine settimana assai proficuo per il colori di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 ed I Medicei. 

Tutte le compagini messe in campo nel weekend, dalle under 14, alle 16, alle 18 de I Medicei, alla Serie A fino al Top12, hanno messo in campo prestazioni convincenti che hanno fruttato larghe vittorie.

Il commento di coach Paolo Sposato: “Partita ben giocata, buonissima difesa, ottimo il gioco alla mano, azioni anche spettacolari, con grandi cambi di fronte d’attacco. La squadra si è ben comportata: c’è stato predominio in mischia ordinata e nel touch. Anche nel secondo tempo, con la squadra in inferiorità, i ragazzi non hanno mai tolto il piede dall’acceleratore. Grande soddisfazione, anche perché finora il campionato era stato povero di vittorie ed abbiamo raggiunto la prima vittoria in casa davanti ad un bel pubblico. I ragazzi stanno riconoscendo e loro qualità e le loro potenzialità: hanno capito quanto di buono possono fare in questo campionato.

C’è un po’ di rammarico per non aver centrato la quarta meta, quella del punto di bonus, che era alla nostra portata. Va bene lo stesso, era importante uscire dal pantano delle sconfitte. Questa vittoria, in notturna e con tutte la spettacolarità di questo tipo di partite, davanti al pubblico amico e alle tribune gremite, è stata un’emozione fortissima. Siamo soddisfatti e, anche se abbiamo fatto tanti errori e c’è tanto da lavorare, la mentalità è quella giusta. Siamo ormai consapevoli che questa categoria ci appartiene. Andiamo avanti così e cercheremo già dalla prossima settimana a Cecina di mantenere questo gioco”.

Gianni Savia – Ph. Donatella Bernini

UNDER 16 E UNDER 14 VINCONO E CONVINCONO

UNDER 16 Regionale
Campionato Regionale – Girone 1 – 6° giornata
Firenze, campo Ruffino Stadium Mario Lodigiani – domenica 2 dicembre ore 11.00

 

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Rugby Iolo 1982 17 – 7 ( 3 – 1 )

 

La squadra della Under 16 Regionale della Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 si aggiudica una partita molto combattuta tra due squadre entrambe fortemente determinate a vincere. Il primo tempo si è praticamente giocato nei 22 dello Iolo 1982. Bravi i ragazzi del Firenze a tenere continuamente sotto pressione gli avversari ma lo scontro fisico con una squadra come quella dello Iolo più strutturata fisicamente non paga per il gioco espresso. Ci vogliono più di 20 minuti per sbloccare il punteggio con una meta di Brogi poi trasformata da Pianigiani. La partita ha un sussulto quando a tempo quasi scaduto Chiodi fa un intercetto nei 22 avversari e schiaccia in meta. Finisce il primo tempo 12 – 0 con il Firenze che ha praticamente sempre controllato la partita.
Nel secondo tempo lo Iolo 1982 entra in campo con un piglio decisamente diverso ed è questa volta il Firenze a farsi schiacciare nel proprio campo dopo che aveva sempre dominato i punti di incontro. La veemenza dello Iolo è evidente ma paga in disciplina vedendo a proprio carico un cartellino giallo ma il giocatore incredibilmente non esce dal campo. L’arbitro se ne accorge poco dopo perchè lo stesso giocatore va in meta che quindi viene annullata. La pressione dello Iolo alla fine è ripagata con una meta ma seguita dopo poco anche da un cartellino rosso per un proprio giocatore per offese all’arbitro. E’ infine una meta del Firenze con Iervese, al suo rientro dopo un lungo stop, a chiudere l’incontro sul 17 – 7.

 

Testo di Luca Beccastrini –  Foto di Sandro Sbolci

 

 

UNDER 14/1 – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Rufus San Vincenzo 61-14 (9-2)
Scandicci FI, campo Vingone – sabato 1 dicembre ore 17.00

 

UNDER 14/2 – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Titani 48-5 (8-1)
Scandicci FI, campo Vingone – sabato 1 dicembre ore 16.00
Oggi le due compagini Under 14 hanno disputato gli incontri casalinghi del campionato regionale nell’impianto di Vingone a Scandicci. Due partite con tanto sapore di sale portato dagli amici dei Titani di Viareggio e dei Rufus San Vincenzo (LI).
I risultati finali lasciano poco spazio alla cronaca. Netta la superiorità dei biancorossi, che fin dall’inizio hanno macinato gioco, lasciando spazio agli avversari solo a risultato acquisito. I Rufus si sono dimostrati maggiormente organizzati e coesi, anche i Titani hanno dato filo da torcere senza regalare niente al Toscana Aeroporti Firenze 1931 schierati, per l’occasione, in due formazioni profondamente rimaneggiate a causa dei numerosi indisponibili. Il bilancio fra mete fatte e subite lasciano ben sperare per i prossimi impegni. Terzo tempo e cena hanno chiuso questa bellissima giornata.
Alabim!

 

Testo di Leonardo Salvanti – Foto di Bess Melendez

IN UN WEEK-END DI PIOGGIA E FANGO SPLENDE IL SOLE SULL’UNDER 16 ÉLITE L’under 14 affronta il Superchallenge a Verona

UNDER 16 Élite
Campionato Élite – 5° giornata
Rosignano Solvay LI, campo Falchini (Lillatro) – domenica 25 novembre ore 11.00

 

Amatori Rosignano vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 12 – 24 ( 2 – 4)

 

Punti conquistati in classifica: Amatori Rosignano 0 – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 5

 

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Starda, Pagni, Martini, Formigli, D’Alessandro, Vitone, Ramhouni, Piccoli, Menicagli, Bianchini, Fortuna, Lo Gaglio P, Vannoni, Pallotti, Lo Gaglio F. (A disposizione: Fabbrocino, Grieco, Beccastrini, Mellini, Cortopassi)

All.: Benhaim, Citi

 

Quella che si vedeva in fondo al tunnel era davvero la luce! L’avvio di stagione è stato caratterizzato dal sommarsi di varie difficoltà: infortuni, abbandoni, pause di riflessione, calendario partite particolarmente severo. Finalmente è tornato a splendere il sole. Solo metaforicamente però, perché in realtà, il campo degli Amatori Rugby Rosignano, che domenica 25 novembre ha accolto l’Under 16 Elite della Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931, era impregnato di fango e dell’acqua che, tanto lentamente quanto incessantemente, ha continuato a cadere fino alla metà del secondo tempo. Si sa che i campi pesanti e bagnati non favoriscono né il gioco alla mano, né i tre quarti veloci, né tantomeno l’avverarsi della proverbiale speranza “che vinca il migliore”. Avvio di partita avaro di risultati per i nostri che, malgrado le intense e costanti incursioni nei 22 avversari, non riuscivano a superare la fatidica linea bianca. Acqua e fango ostacolavano la rifinitura delle tante nostre buone iniziative. È dunque Bianchini a coronare il suo sogno di giovane mediano che, con un lunghissimo calcio a scavalcare la difesa, riesce a riprendere al volo la palla da lui stesso lanciata e schiacciare in meta. I nostri prendono confidenza nei propri mezzi e riescono a portare il tabellino sul 19 a 0 a fine primo tempo. Azioni alla mano, concretezza in ruck, buona risalita difensiva danno la sensazione che il risultato sia acquisito peraltro con giusto merito. Errore gravissimo. I nostri ospiti non ci stanno e cominciano a metterla sulla fisicità degli impatti, la ruvidezza e la spregiudicata carica agonistica di chi non ha molto da perdere e soprattutto non vuole che questo accada. I nostri sembrano poco in grado di reagire: bravi a non rispondere alle provocazioni, tuttavia rigidi e un po’ spaventati. Smettono di tessere il gioco e anche di gestire con saggezza la loro superiorità nel risultato. Poi, una disattenzione di un pilone di guardia al nostro possesso in ruck, un’ala che non presidia a dovere il canale assegnatole e prendiamo due mete: al ventesimo stiamo 12 a 19. Un presagio fosco come le nubi nel cielo incombe sulla nostra trasferta. Ma l’allenatore Citi non ci sta e suona la carica da bordo campo: richiama i ragazzi ad una maggiore concretezza e presenza. Il richiamo non cade nel vuoto. Conquistiamo una mischia appena fuori dai loro 22 a soli tre minuti dalla fine. D’Alessandro si sposta dalla seconda linea alla terza centro, prende palla, si stacca, avanza, sfonda e, trattenuto, pesta sui piedi fino a 5 passi dai pali. Una rapida trasmissione del solito statuario, sempre presente, encomiabile Menicagli permette alla palla, dopo tre passaggi, di arrivare tra le mani di Fortuna all’ala che schiaccia in meta. Conquistiamo così meritatamente, per quanto mostrato sul campo, anche il punto bonus offensivo.
Ora può levarsi davvero l’Alabim anche se piove ancora, ma a tutti sembra che risplenda il sole.
Tutta l’attenzione va adesso alla partita di recupero prevista per domenica prossima contro i Ghibellini a Siena: sono in palio, è il caso di dirlo, punti preziosi per la nostra classifica e per il morale della squadra. Senza dubbio oggi i nostri hanno dimostrato a loro stessi di poter tenere la posizione conquistata in trincea, complimenti davvero a tutto il gruppo!

 

Testo di Giorgio D’Alessandro – Foto di Barbara Marapodi

 

 

UNDER 16 Regionale
Campionato Regionale – Girone 1 – 5° giornata
Firenze, campo Ruffino Stadium Mario Lodigiani – domenica 25 novembre ore 16.00

 

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Polisportiva Sieci 5 – 43 ( 1 – 7)

 

Si sono incontrate domenica sul nuovo campo in sintetico del Ruffino Stadium Mario Lodigiani le squadre della Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 e della Polisportiva Sieci.
La partita, valevole per il campionato regionale, sconta un’oggettiva disparità di forze in favore della compagine delle Sieci, che mette in campo una squadra più strutturata fisicamente, grazie alla quasi totale prevalenza di elementi della classe 2003, ed il risultato finale di 43 a 5 ne è la più diretta conseguenza.
Ciò nonostante, i ragazzi del Firenze, portati in campo dall’allenatore Gabriele Caneschi, ce l’hanno messa tutta e non hanno demeritato, riuscendo a disputare un buon primo tempo, mettendo in difficoltà gli avversari ed andando anche in meta.
Da apprezzare la presenza di alcuni compagni di squadra che, di ritorno dall’altra partita disputata a Rosignano, non hanno fatto mancare il loro supporto.

 

Testo di Giampaolo Barone –  Foto di Barbara Marapodi

 

 

UNDER 14 – Superchallenge “Torneo della Diga” – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Verona, semifinali campi Parona/finali campi Payanini Center – domenica 25 novembre ore 9.30

 

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Bandettini, Bianchi, Busi, Campofiloni, Cardelli, Chiostrini, Di Girolamo, Fantini, Fasti, Fioravanti, Giovannini, Grevi, Guelfi, Maiorano, Metti, Miniati, Pesci, Pinnelli, Pupeschi, Salvanti,Silei, Stanganini.

 

All.: Taiuti, Biancalani, De Marco

 

Il torneo è di quelli importanti, si parla del Superchallenge tappa di Verona, si disputa alla fine di novembre, torneo a 12 squadre con partite di un tempo di 20’ secchi.
La partenza ci vede svegli già alle 4:30 a preparare il the per i ragazzi che faranno colazione in pullman; gli atleti arrivano alla spicciolata con gli occhi abbottonati, ancora con addosso il sogno che li ha accompagnati nella corta notte precedente. Il viaggio ci sveglia, è sempre un momento di aggregazione e amicizia, in due ore e mezzo siamo a Verona. La prima fase del torneo si svolge ai campi in Via della Diga, nel nostro girone incontriamo Amatori Parma e Settimo torinese Rugby.
La prima partita ci vede affrontare gli Amatori Parma, squadra ostica che ci mette subito in difficoltà realizzando una meta, al 9° riusciamo a pareggiare, ma al 14° il Parma torna in vantaggio, dopo 4 minuti meta di forza del Firenze che dopo molti minuti sulla linea riesce a schiacciare trasformando 14-14. Allo scadere purtroppo con una lunga corsa solitaria che aggira i nostri tre quarti gli Amatori Parma riescono a entrare in meta, realizzando il punto del vantaggio. Perdiamo 14-19.
La seconda partita ci vede contro il Settimo torinese, compagine robusta che ci dà subito filo da torcere infilandoci al 2° minuto, il Firenze lotta orgoglioso con gli avanti che si incaponiscono su ogni palla fino al 6° quando riescono a sbloccare il risultato trasformando e andando in vantaggio 7-5. Il Torino non ci sta e all’8° ci punisce con una meta che fa male in quanto ci mette sotto 7-12, il tempo rimasto non è molto, ci avviamo verso la fine quando un guizzo di Campofiloni buca la difesa avversaria schiacciando bene per la trasformazione di Metti. Termina la partita 14-12.
Il Firenze si classifica secondo del girone e va ad incontrare la seconda del girone B il Rho, squadra potente e veloce ma comunque abbordabile dai gigliati, che appena scesi in campo dopo solo due minuti vanno in meta non trasformando, 5-0. Il Rho per niente intimorito risponde con potenti attacchi che fanno male alla difesa fiorentina talmente indebolita che dopo appena 3 minuti il Rho ne approfitta schiacciando in meta e trasformando, 5-7; i lombardi continuano a spingere centrando un’altra meta al 12°, 5-14. Il tempo ormai scarseggia e le speranze si fanno vane, ma è a tempo scaduto che si accorciano le distanze con un’altra meta, perdiamo per 10-14.
Accediamo così alle fasi finali nel bellissimo impianto Payanini dove andiamo a giocare per il settimo e l’ottavo posto contro il Cus Pavia, partita facile che finisce 24-0 per il Firenze che esce con un 7° posto da un torneo prestigioso che ci vedrà ancora presenti nelle tappe future.
Testo e foto di Alessandro Metti

 

 

UNDER 12 – Raggruppamento TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Firenze, campo Ruffino Stadium Mario Lodigiani – sabato 24 novembre ore 15.30

 

Il raggruppamento di sabato 24 novembre al Ruffino Stadium Mario Lodigiani è stato un vero e proprio successo: tutto ben riuscito sia come accoglienza sia nello svolgimento delle gare in campo, compresi i genitori per la preparazione del “terzo tempo”. Sessanta il totale degli atleti coinvolti. Società presenti: due squadre per RC Scandicci,  Sesto Rugby e Firenze Rugby 1931 ed una mista, detta Barbarians, creata per l’occasione con un misto di atleti presi a girare da ogni squadra. Le partite di dieci minuti per tempo si svolgono in sincronia nei due campi creati per l’occasione nel nuovo manto sintetico. Ogni squadra gioca tre partite per un totale di un’ora.
La premessa dei raggruppamenti è che sono importanti momenti di confronto e servono a misurarsi con squadre al nostro pari su svariati livelli. Nella prima competizione con RC Scandicci i ragazzi della Toscana Aeroporti hanno chiaramente bisogno di schiarirsi le idee, in quanto sembrano scesi in campo senza grande determinazione. Dopo un breve ma ardente discorso da parte dei coach Marco Magini e Ugo Alfieri i ragazzi si scuotono e iniziano a giocare e s’intravede gioco di squadra e alcune abilità individuali. Nell’ultima partita con Sesto Rugby, gli atleti del  Firenze non sono più quelli del primo pomeriggio, ritrovano quell’unione che contraddistingue una squadra e il rugby lo insegna continuamente, senza, impossibile giocare. Bravi ragazzi che ogni volta imparate a lottare!
Alabim!

 

Testo e Foto di Roberta Falcini

 

 

UNDER 10 – Raggruppamento Etruria Piombino – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Piombino LI, campo Venturelli – domenica 25 novembre ore 10.00

 

Per i giovani Under 10 della Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 è stato come ritrovare un vecchio amico che non vedevano da tempo, il fango. Domenica mattina, sul campo Venturelli di Piombino, i piccoli biancorossi, abituati ormai al nuovo e già adorato campo in sintetico casalingo, si sono trovati davanti un terreno decisamente pesante. La pioggia caduta copiosa non ha dato un momento di sollievo, ma i nostri non si sono lasciati intimorire, anzi, giusto il tempo di riscaldarsi e si sono buttati nella mischia senza timore reverenziale. Il raggruppamento li ha portati ad incontrare i coetanei degli Amatori Rugby Cecina, dell’Elba Rugby, del Grosseto Rugby oltre ai padroni di casa dell’Etruria Rugby Piombino. Le partite, dieci minuti ciascuna, hanno brillato di rara intensità. L’epica del rugby attinge volentieri e a piene mani da situazioni come questa: la maglia che lentamente (neanche poi così tanto) si inzuppa e si sporca, i bambini infreddoliti, le forze che sembrano finire da un momento all’altro ma che, inspiegabilmente, riaffiorano sempre.
Intense ed equilibrate dunque sono tutte le partite che si susseguono, per fortuna, senza troppe pause. Dalla prima contro il Cecina fino all’ultima contro i padroni di casa, i giovani biancorossi mettono in campo tutto quello che hanno, ben seguiti e spronati dagli educatori Emma Hill e Riccardo Romoli non si risparmiano, e quello che ne viene fuori è una mattinata divertente e avvincente per tutta la sua durata fino all’ultimo minuto, all’ultimo metro guadagnato, e all’ultimo tuffo (letteralmente, perchè dopo il fischio finale i bambini non si sono lasciati scappare l’occasione di lasciarsi andare in una serie di incontri più o meno ravvicinati con quell’amico che, come si è detto, da un po’ di tempo non incontravano più). Il risultato, oltre che esilarante, ha testato anche la resistenza delle nuove maglie uscite con successo dalla prima lavatrice “impegnativa” della stagione.
Per concludere è un’Under 10 che diverte quella vista fino ad ora, e questo raggruppamento non è che l’ulteriore prova di quelle positive sensazioni provate fin dal primo incontro disputato insieme ormai più di un mese fa. Esperienza e determinazione, difesa robusta e attacchi veloci, queste le caratteristiche principali di questa squadra che lascia ben sperare per questa stagione che, sebbene all’inizio, lascia negli occhi dei genitori una bella sensazione, i mattoncini si sistemano, la casa ha buone fondamenta.
Alabim, lavaggio predoccia con tanto di sistola, terzo tempo e rinfreschino autogestito dai genitori concludono l’ennesima giornata in amicizia che, come sappiamo, non sarà di certo l’ultima.

 

Testo e foto di Tommaso Martinoli

Serie C1: in trasferta, un punto di scarto penalizza una gagliarda Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931

Amarezza tra i biancorossi, ma anche tanti ottimi spunti per ripartire

Sesto Fiorentino, campo della Quercia – domenica 18 novembre 2018

Serie C1 fase 1, V giornata

Cavalieri Union Prato Sesto v Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931  8 – 7 (5-0)

Nel quadro della quinta giornata di andata del girone F della serie C, domenica 18 al campo di via della Quercia di Sesto Fiorentino si è disputato il sentito derby tra Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 e i Cavalieri Union Prato Sesto, due squadre dalle caratteristiche diverse. Da un lato una squadra cadetta, i Cavalieri Union, con una buona esperienza nella categoria e la possibilità di completare il proprio organico con giocatori provenienti dalla serie A; dall’altro una squadra nuova nella categoria, con tanti giovani nella formazione e alla ricerca di un’identità dopo un esordio di campionato non facile ma che proprio nelle difficoltà è riuscita a trovare le motivazioni per tener testa ad una più blasonata avversaria.

Il match inizia a gran ritmo: gli impatti sono forti e si assiste a tanti bei placcaggi. I padroni di casa subiscono l’inizio arrembante dei fiorentini, che arrivano in area di meta due volte ma in entrambe le occasioni vengono giudicati tenuti alti. Un poco per volta i Cavalieri Union respirano ed, intorno al 30’, riescono a segnare ma non a trasformare la meta. Firenze reagisce con forza e crea una buona occasione per segnare, che svanisce per un errore all’ultimo passaggio.

Il primo tempo si chiude sul 5 a 0 per i padroni di casa.

Il secondo tempo riprende sugli stessi ritmi alti. I Cavalieri Union, malgrado l’inserimento di ben 7 elementi della serie A, subiscono ancora l’aggressività, la determinazione, le linee di corsa dei biancorossi e soprattutto subiscono in mischia ordinata grazie al lavoro dei due piloni fiorentini Pratesi e Goretti, entrambi autori di una prestazione maiuscola. Si gioca perlopiù nel campo dei padroni di casa; mancano solo i punti, che non arrivano fino al 31’, quando i fiorentini segnano una meta frutto del lavoro della squadra e finalizzata da Semoli. Con la trasformazione è sorpasso. Sul rinvio i Cavalieri Union ottengono un piazzato che vale il controsorpasso.

I fiorentini moltiplicano gli sforzi e si buttano all’assalto alla ricerca della segnatura ma il tempo scarseggia e qualche errore impedisce di raccogliere frutti ed il match si chiude con il successo di strettissima misura dei padron di casa, 8-7.

Le dichiarazioni del tecnico Paolo Sposato: “Una sconfitta così, con il minimo scarto, lascia un po’ di amarezza anche per la meta non accordata e per le tante occasioni in cui siamo arrivati vicini a segnare senza concretizzare. Rimane l’amaro in bocca ma anche un bel po’ di soddisfazione. Non per il punteggio ma perché finalmente si è vista una squadra concentrata, aggressiva, determinata e che ha dimostrato di essere la squadra che conoscevamo, con la voglia di vincere. Dopo le due ultime sconfitte, soprattutto per l’assenza di gioco in quella partite, è stato un bel vedere. Consideriamo che il tasso tecnico degli avversari era superiore, che i giocatori della rosa della A, per quanto giovani, avevano delle individualità importanti che non sono riusciti ad esprimere come squadra.

Come squadra, abbiamo vinto, non purtroppo nella realizzazione di punti. È un buon punto da cui ripartire. Ora ci attende una domenica di riposo a cui seguiranno tre partite consecutive, tutte sulla costa, per rimettere in sesto la classifica e lasciare la nostra impronta sul campionato.

Gianni Savia – Ph. Donatella Bernini

IMPEGNO E RESILIENZA PER LE UNDER 16, VITTORIA DELL’UNDER 14 A SIENA

UNDER 16 Elite
Campionato Elite – 4° giornata
Firenze, Ruffino Stadium Mario Lodigiani – domenica 18 novembre ore 11.00

 

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Cavalieri Union Rugby Prato Sesto 10-34

 

Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 0 – Cavalieri Union Rugby Prato Sesto 4

 

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Grieco, Pagni, Martini, D’Alessandro, Formigli, Vitone, Starda, Ramhouni, Menicagli, Bianchini (meta al 7° 1T. non trasf.), Fortuna, Lo Gaglio P. (meta 20° 2T. non trasf.), Pallotti, Mellini, Lo Gaglio F. A disposizione: Fabrocino (sost. Grieco 14° 2T.), Piccoli (sost. Pagni 1° 2T.), Giannardi (sot. Menicagli 25° 2t.), Vannoni (sost. Mellini al 5° 2T), Morandi (sost. Fortuna al 15° 2T.).

All.: Buonuomo, Caneschi, Citi.

 

Finalmente si scorge nitida una luce in fondo al tunnel! Sarà la suggestione di aver concluso la triade di partite complicatissime previste dal calendario per questo nostro avvio di stagione. Sarà che sono rientrati numerosi atleti, non ancora tutti, tra infortunati e indecisi di notevole peso specifico. Dipenderà forse dal fatto che gli insegnamenti tecnici ed educativi, sui quali gli allenatori insistono, stanno finalmente dando i loro frutti. Comunque, visto che si riscontra una crescita, appare doveroso e pertinente narrare i fatti in sintonia con tale evidenza. Questa cronaca partirà dunque dal secondo tempo. In sintesi il vantaggio degli ospiti nella ripresa è stato risicatissimo con il punteggio parziale inchiodato sul 5 a 7. La mischia non solo ha tenuto senza mai indietreggiare, ma ha addirittura rubato ben due introduzioni avversarie! Anche la touche, nel secondo tempo, ha girato alla perfezione con ottime chiamate e lanci,  nonché buona intesa tra saltatore e mediano. Benissimo gli aggiustamenti tecnici sulla tre quarti che, alle ali, in questo ormai mitologico secondo tempo, per la prima volta da inizio campionato, hanno contenuto egregiamente le folate avversarie: gli avversari hanno presto capito che le fasce non erano più “terra di nessuno” e i loro portatori erano costretti a convergere verso l’interno. Chiusi e imbrigliati nella sacca, i ball carrier dei Cavalieri, divenivano facile preda della mattanza implacabile dei nostri avanti e dei centri. Finalmente abbiamo ritrovato un estremo che per attitudine ed esperienza da enorme sicurezza a tutta la squadra. Ottima prova di entrambi i nostri mediani che, con spregiudicatezza e coraggio, ci hanno fatto divertire ed appassionare per l’ennesima volta a questo sport.
Peccato per un calo di attenzione a metà del primo tempo che davvero ci è costato la partita: quel black-out di 10 minuti è valso quattro mete ed è stato la riprova che la concentrazione è la chiave di volta su cui lavorare. Grande soddisfazione dunque per i risultati visti in campo: nell’atteggiamento e nella tecnica. L’enorme lavoro degli allenatori sulla risalita difensiva, ha abbondantemente restituito i frutti, fatta eccezione per un paio di singoli “canali” ancora un “po’ troppo aperti”.  Per dovere di cronaca la partita si è conclusa 10 a 34 per gli avversari, ma in certi match davvero il risultato sul tabellino è secondario: occorre ragionare in prospettiva e operando importanti distinzioni. Ulteriore nota a parte merita infatti il lavoro svolto sulla crescita attitudinale dei nostri: un’evoluzione delle doti di intensità e resilienza è stata evidente. Se i ragazzi consolideranno quelle competenze, emerse nel secondo tempo e nei primi dieci minuti della partita, avremo raggiunto l’obiettivo educativo principale: formare degli uomini in grado di reagire alle avversità. A quel punto, ne siamo certi, anche il tabellino restituirà ricompense concrete e congrue al lavoro svolto da atleti e allenatori.

 

Testo di Giorgio D’Alessandro – Foto di Irena Palavrsic

 

 

UNDER 16 Regionale
Campionato Regionale – Girone 1 – 4° giornata
Firenze, campo Marco Polo – domenica 18 novembre ore 11.00

 

Florentia vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931  76 – 7

 

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Di Marco, Barone, Belforte, Di Domenico, Cipriani, Rutilensi, Beccastrini, Ermini, Meoli, Chiodi,  Ricci, Pianigiani, Sbolci, Fusco, Cortopassi. A disp. Battaglini, Comandi, Gaggelli, Gori, Kibarian.

All.: Benaim

La squadra regionale della Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 è una squadra composta da giocatori con molta volontà ma ancora poca esperienza e con skills ancora in fase evolutiva. La presenza in squadra di pochi giocatori con maggiore esperienza poco può fare di fronte ad una squadra come quella del Florentia molto motivata e con abilità maggiori. Si puo’ sintetizzare così l’incontro avvenuto domenica presso il campo del Florentia. La crescita dei ragazzi passa purtroppo anche da partite con passivi piuttosto pesanti come quelle a cui si è assistito in questo inizio di campionato ma che d’altro canto permettono di mettere in luce chiaramente gli aspetti basilari su cui si deve lavorare in settimana. Dispiace molto l’incidente occorso a Tommaso Rutilensi che in uno scontro di gioco si è infortunato. In seguito si è accertato che l’incidente ha causato una costola incrinata. A Tommaso gli auguri di una guarigione più rapida possibile. Per il resto il punteggio finale di 76-7 lascia pochi dubbi sulla differenza delle due squadre in campo.

 

Testo di Luca Beccastrini –  Foto di Sandro Sbolci

 

 

UNDER 14/2 – Cus Siena vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Siena, campo sportivo Acquacalda – sabato 17 novembre ore 16.30

 

I ragazzi della Under 14 vincono a Siena guidati da Angelo De Marco e Matteo Biancalani contro i pari categoria del Cus Siena.
Ad avvalorare la vittoria il fatto che la Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 era composta quasi esclusivamente dai ragazzi esordienti di categoria del 2006, mentre il Cus Siena schierava l’intera squadra.
Sull’impegnativo sabbione senese abbiamo assistito a una partita divertente caratterizzata da intense fasi di gioco.
Il Cus Siena mostra sin da subito l’intenzione di sfruttare il fattore casalingo e per la gran parte del primo tempo spinge in modo costante con qualche piccolo alleggerimento del Firenze 1931. Solo alla fine del primo tempo ci affacciamo nella metà campo avversaria e sfruttiamo con malizia l’unico spazio a disposizione, bella difesa avversaria, e Fasti realizza una preziosissima meta (non realizzata da posizione defilatissima).
Nel secondo tempo il Cus Siena entra in campo ancora più determinato per ribaltare il risultato ma dopo poche prime schermaglie, Cardelli intercetta l’ovale e si invola coast to coast segnando la seconda meta, realizzata da Fasti.
Gli atleti del Firenze controllano la gara imponendo il proprio gioco e costringendo il Siena a difendersi. Fasti concretizza la supremazia realizzando la terza meta con una serpentina inebriante.
Orgogliosamente il Siena tenta di realizzare una meritata meta ma la difesa del Firenze, oggi particolarmente coriacea e arcigna, non concede metri nell’interminabile recupero concesso dal Direttore di gara.
Torniamo a casa con una bella vittoria per 17 a 0 e buona risposta della squadra sia dal punto di vista del gioco che della compattezza di squadra.

 

Testo di Marco Papini- Foto di Bess Melendez

 

 

UNDER 8 – Raggruppamento Bellaria Cappuccini – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Pontedera PI, Polisportiva Bellaria – domenica 18 novembre ore 10.30

 

Una giornata di sole, ma fredda e ventosa, accoglie l’Under 8 di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 al Bellaria Rugby – Pontedera. Le adesioni dei nostri piccoli atleti, sempre più numerose, necessitano della formazione di 3 squadre accompagnate dagli allenatori Nadir Krifi, Nicola Biagini e Riccardo Romoli. In campo numerosi anche i padroni di casa, suddivisi in due squadre, il Sesto Rugby e il Rugby Union Versilia.
Nella mattinata il complesso sportivo ospita, oltre al raggruppamento di rugby, anche la corsa di minimoto in un circuito adiacente al campo in cui si disputano le partite…e il primo pensiero che balena in testa è: “Ecco una probabile distrazione dal gioco!”. Quello che si vede sul campo, invece, è tutt’altro! Dopo la fase di riscaldamento iniziano le prime partite. C’è chi parte subito con grinta chi, invece, ha bisogno di una sconfitta per prendere consapevolezza che la fase di riscaldamento è finita e chi, vedendo la propria squadra in difficoltà, decide di giocare comunque, nonostante qualche acciacco fisico.  Da qui in poi si assiste ad uno slancio nel gioco: i piccoli rugbisti si mostrano concentrati, fanno squadra e danno il massimo anche quando vengono dati in prestito alle squadre avversarie. Il gioco è pulito, meno improvvisato e gli occhi fissi sulla palla. È sorprendente vedere i progressi fatti dai nani del Firenze, il senso di responsabilità, il coraggio, sia nei placcaggi che nel sostegno ai compagni. I piccoli atleti avanzano e si non arrendono mai! Grazie soprattutto agli allenatori che riescono a trasferire ai piccoli biancorosse, con pazienza ed attenzione, le regole e la passione per questo sport, sia in allenamento che durante le partite. Allenatori a cui va tutta l’ammirazione e gratitudine dei piccoli rugbisti e dei loro genitori.
La mattinata volge al termine velocemente: qualche partita è stata persa, qualcun’altra pareggiata, altre vinte. Tutti di corsa negli spogliatoi a fare la doccia per prepararsi ad un immancabile e impeccabile terzo tempo, offerto dai padroni di casa. Lì dove trionfa l’allegria e la voglia di stare tutti insieme e festeggiare una splendida giornata all’insegna del rugby.

 

Testo di Silvia Valenziani – Foto di Claudio Sozio

RIBOLLITI CHE PASSIONE

Appartenenza, sentirsi uniti da una passione che in taluni casi rasenta la malattia, in altre parole  ritrovarsi il sabato mattina per andare a giocare una partita di rugby a Gubbio, quando ci sarebbero da fare e sistemare una sacco di cose a casa, coprire la terrazza perché ci sono i lavori e potrebbe piovere, quel lavoro da finire che alla fine però può aspettare, i figlioli da prendere e portare ecc. ecc..

Nostri avversari i secondi classificati dello scorso campionato Old, gli Umbriachi, una franchigia Old di tutte le realtà rugbistiche Umbre.

Con loro nell’ottobre del 2017 abbiamo perso per 10 mete a 1, il ricordo di quella giornata per certi versi un po’ amara, mi riporta alla realtà e guardando dentro il MagroPulman incrocio gli sguardi di compagni di squadra che come me ricordano quel giorno.

Ma la giornata è bella e si parte, in fondo si va a giocare sul campo che ci ha visti vittoriosi sui Trinceroni nell’ultima partita dello scorso campionato.

Gubbio ci accoglie con un gelido abbraccio, ma la giornata non è poi così male, negli spogliatoi Magio e Beppe oltre che alla formazione danno le ultime semplici indicazioni (che pur essendo semplici risultano per i più incomprensibili, o per lo meno così sarebbe potuto sembrare).

In realtà, dopo il fischio di inizio, lo sparuto pubblico presente sulle tribune si gode una bella partita dove contro ogni aspettativa, la compagine Ribollita tiene bene il campo giocando alla pari con una squadra esperta; gigantesco il lavoro in difesa, ottimi rischieramenti, validi placcaggi fermano gli Umbriachi, non solo, i Ribolliti riescono pure ad impensierire i giocatori Umbri impegnandoli nella loro metà campo.

Allo scadere del primo tempo, in inferiorità numerica per un cartellino giallo, una distrazione delle guardie su una ruck, consente agli Umbriachi di mettere a segno la meta dell’uno a zero.

Un calo di attenzione all’inizio del secondo tempo viene pagato un po’ troppo caro, infatti una squadra esperta come quella Umbra, infila sempre sulle guardie dei raggruppamenti per ben due volte i Fiorenti. La partita continua su buoni ritmi e i Ribolliti anche se sotto con il punteggio non si danno per vinti e continuano a giocare la loro partita a testa alta.

Quasi allo scadere del tempo in 13 per altri due cartellini gialli (effettivamente la pressione Umbra sul finale si faceva sentire) su una touches dentro ai nostri 22 gli Umbriachi siglano la loro quarta meta.

Risultato finale Umbriachi 4 Ribolliti 0.

Che dire….dalla tribuna, oltre a soffrire per non essere in campo, è stato evidente il miglioramento di tutta la squadra a livello organizzativo, io sarò anche di parte ma lasciatemelo dire i Ribolliti di sabato sono stati IMMENSI.

Alabim

TilloSilvioSilvanoChewbecca

 

UN FINE SETTIMANA NEL SEGNO DELLA PALLA OVALE Grande partecipazione alla Festa del Rugby, test match dell’Italia all’Artemio Franchi e vittoria per le Under 14

FESTA DEL RUGBY/1
Firenze, Ruffino stadium Mario Lodigiani – sabato 10 novembre ore 9.00
Sabato 10 novembre è stata una grande occasione per gli appassionati della palla ovale che hanno potuto partecipare alla “Festa del Rugby” organizzata dalla Federazione Italiana Rugby e dalle società Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 e Florentia Rugby in occasione del Test match Italia vs Georgia che si è svolto nel pomeriggio allo Stadio Artemio Franchi.
Il nuovo campo con erba sintetica, appena inaugurato grazie al Comune di Firenze, vede la presenza di più di 60 squadre del settore propaganda, distribuite fra le categorie under 6, under 10 e under 12, mentre la categoria under 8 gioca sul campo Marco Polo.
Un’occasione imperdibile per socializzare e condividere la passione di uno sport come il rugby, sempre più in crescita e che attraverso le regole educa allo stare insieme e alla condivisione. Un perfetto torneo organizzato egregiamente dal tutto il “popolo del Padovani”, tra allenatori, accompagnatori e genitori, i quali ormai sanno muoversi bene in queste occasioni di manifestazioni sportive.
Le squadre doppie e triple di ogni società presenti sono in ordine di lontananza Amatori Napoli, Rugby Orio, Rugby Tivoli, Cus Genova, Ancona, Unione Orvietana, Grosseto RC, Vasari Arezzo, Gossolengo, Etruschi Livorno, Rugby Livorno Lions Amaranto, Amatori Cecina, Cus Pisa, Rugby Lucca, Cus Siena, Mugello, Polisportiva Le Sieci, Rooster Galluzzo, CS Scandicci, Florentia Rugby, Sesto Rugby, Gispi Prato, Puma Bisenzio e Valdarno Rugby.
Tutto è filato in perfetto orario per essere pronti, dopo un ottimo terzo tempo, per godersi il match dell’Italia grazie ai biglietti offerti dalla FIR a più di ottocento atleti presenti.
Testo di Roberta Falcini – Foto di Tommaso Martinoli

 

FESTA DEL RUGBY /2
Firenze, campo Marco Polo – sabato 10 novembre ore 9.00
Sul campo Marco Polo si è svolta sabato scorso la “Festa del rugby”, organizzata dalla Federazione Italia Rugby in occasione del test match della nazionale italiana contro la Georgia, previsto per il pomeriggio allo stadio Artemio Franchi.
Data infatti la grandissima adesione a questa manifestazione, con squadre provenienti da tutta Italia, è stato necessario dividere le categorie fra il Ruffino Stadium Mario Lodigiani e il campo del Florentia Rugby.
Per i nostri rugbisti, anche questa volta suddivisi in due squadre data la grande partecipazione, era una giornata particolarmente eccitante non solo per il post partita che prevedeva di vedere tutti insieme la partita dell’Italia, ma anche perché per la prima volta sono giunti al raggruppamento tutti insieme con il pulmino.
La nostra compagine si è confrontata con il Sesto Rugby, l’Orvietana, gli Etruschi ed i padroni di casa del Florentia.
I nostri ragazzi inizialmente sono partiti un po’ insicuri, ma poi incitati dall’immancabile tifo hanno iniziato a prendere confidenza con il campo, e sostenendosi l’uno con l’altro incitandosi a vicenda hanno iniziato a sbloccarsi ed a giocare come una vera squadra, passandosi la palla placcando e fermando l’avversario per conquistare l’ovale e da quel momento è stato puro divertimento dentro e fuori dal campo.

Testo di Valentina Orlandi – Foto di Claudio Sozio

 

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Amatori Cecina
Firenze, Ruffino stadium Mario Lodigiani – domenica 11 novembre ore 12.00
Domenica 11 novembre il Ruffino Stadium Mario Lodigiani ancora vergato a festa per la vittoria dell’Italrugby del giorno prima accoglie i ragazzi degli Amatori Cecina per la sfida con la compagine Under 14 di Aeroporti Toscana Firenze Rugby 1931.
Le squadre si sono già incontrate qualche settimana addietro in un triangolare a Prato e la partita era stata molta bella e tirata, decisa solo all’ultimo assalto.
Stavolta però i nostri avversari, forse a causa di qualche defezione, si presentano sottotono all’appuntamento e pur mettendo tutte le energie in campo, non riescono a sfoderare una prestazione convincente; la squadra organizzata con un’ottima difesa avanzante e un bel gioco alla mano vista in azione in altre occasioni, non trova il bandolo della matassa.
I ragazzi fiorentini hanno così compito agevole nel gestire l’incontro e portarlo a casa vittoriosamente, gli avversari onorano il campo non tirandosi mai indietro e combattendo comunque su ogni pallone. A testimonianza della tenacia e del non arrendersi dei ragazzi della costa è l’infortunio quasi a termine dell’incontro di Tommy Fornai del Cecina che in una furiosa ruck riporta una piccola ma dolorosissima frattura dello sterno. La partita viene interrotta per prestare le cure a Tommy che esce dal campo tra gli applausi del pubblico, ma soprattutto attraversa il corridoio che i ragazzi di Firenze e Cecina organizzano spontaneamente per salutarlo ed incoraggiarlo. Un bellissimo gesto che testimonia ancora di più la bellezza di questo sport duro ma che muove grandi sentimenti. A Tommy non possiamo che fare un grande in bocca al lupo per una pronta guarigione e lo vogliamo rivedere presto in campo: lo aspettiamo per la rivincita!
Testo di Vito Maiorano – Foto di Bess Melendez
TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Grosseto
Firenze, Ruffino stadium Mario Lodigiani – domenica 11 novembre ore 13.00
Nel bel fine settimana di rugby internazionale che ha visto Firenze come protagonista, i ragazzi della Under 14 guidati da Giacomo Taiuti si sono sfidati contro i pari età del Grosseto.
Sul campo principale abbiamo assistito a una bella partita contraddistinta da bel gioco e leale rispetto tra le squadre.
Apre le marcature dopo 3 minuti Pesci con una bella azione alla mano (meta non trasformata), ma il Grosseto non si perde d’animo e dopo appena pochi minuti approfitta di un’indecisione della linea difensiva e riesce a penetrare con decisione portandosi in vantaggio.
A quel punto la squadra si compatta e vede salire in cattedra Fasti che conduce la squadra in vantaggio con 2 mete realizzate.
Sempre nel primo tempo realizza Fioravanti portando al riposo il Firenze Rugby in vantaggio per 26 a 7.
Nella ripresa il Grosseto prova una timida reazione che viene subito contrastata con un’altra meta di Fasti che realizza con un repentino e perentorio slalom tra le linee avversarie.
Conclude lo score Miniati con una meta conclusa con azione di forza.
Alla fine soddisfazione per il Grosseto che approfitta di in calo di tensione dei biancorossi riducendo il passivo.
Risultato finale Firenze Rugby 38 vs Grosseto 12
Un plauso particolare anche ai genitori dei ragazzi che hanno organizzato autonomamente il terzo tempo con apprezzamenti da parte degli ospiti per il clima allegro e l’ottima qualità del cibo offerto.
Testo di Marco Papini –  Foto di Bess Melendez

UN BEL SABATO DI RUGBY E DIVERTIMENTO

UNDER 14/1 Cus Siena / Lions Amaranto / TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Siena, campo sportivo Acquacalda – sabato 03 novembre ore 17.00

 

Sabato 3 novembre l’Under 14 di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 ha giocato un bel triangolare al campo sportivo Acquacalda ospite del Cus Siena, insieme alla padrona di casa ed al Lions Amaranto.
La squadra scesa in campo questa volta vede la presenza di un bel rinforzo da parte degli atleti del primo anno della categoria, atleti che fin da subito hanno messo in luce le proprie qualità, lucidità e voglia di giocare e  misurarsi con i ragazzi più esperti.
E i risultati non hanno tardato ad arrivare…
Soddisfatti gli allenatori per questa nuova combinazione che ha visto riportare in campo contro Lions Amaranto un risultato di 31/0 e contro Cus Siena un punteggio di 54/0, e soddisfatti anche tutti i ragazzi che si sono rincuorati ed hanno ripreso forza dopo le ultime sofferte partite.
Alabim!

 

Testo e foto di Simona Chiostrini

 

 

UNDER 14/2 TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Vasari Arezzo
Firenze, Ruffino Stadium Mario Lodigiani – sabato 03 novembre ore 17.00

 

È stata una partita facile quella dell’Under 14/2 giocata al Ruffino Stadium Lodigiani in quanto la squadra avversaria, il Bellaria Pontedera, non si è presentata e i gigliati hanno incontrato i pari età del Vasari Arezzo, ragazzi volenterosi ma numericamente inferiori tanto che a turno alcuni dei nostri hanno indossato la divisa aretina.
I cinquanta minuti passati in campo hanno dimostrato che nonostante l’inferiorità tecnica e numerica, i 13 ragazzi ospiti si sono battuti a viso aperto contro la squadra di casa, palesemente superiore, ma che ha rispettato gli avversari giocando a rugby come tra amici che avevano voglia di divertirsi per poi terminare a mangiare insieme un bel panino onorando così anche il terzo tempo come nella più classica tradizione rugbistica.

 

Testo di Alessandro Metti –  Foto di Bess Melendez

 

UNDER 8 – Raggruppamento Lions Amaranto – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Salviano LI, campo sportivo di Salviano – sabato 03 novembre ore 15.30

 

Unici fiorentini in mezzo a quattro squadre livornesi, i nostri Under 8 hanno affrontato un raggruppamento difficile sotto tutti i punti di vista: terreno fangoso, pesante, squadre forti e meteo sfavorevole.
Si inizia sotto un cielo quasi azzurro che fa ben sperare… con un meraviglioso girotondo che unisce i 7 coraggiosi del Firenze Rugby 1931 con gli altri giocatori del Livorno Rugby 1931, del Lions Amaranto Livorno 1 e 2 e degli Etruschi Livorno, come nella migliore tradizione del rugby.
Poi si accende la sfida, per i nostri inizio in sordina, fermi un turno, scalpitano, saltano, ruzzolano in attesa di poter finalmente iniziare e la tensione si fa sentire.
Appena entrano nel campo pesante di fango, tirano fuori grinta e gambe e affrontano i Lions Amaranto 1 con placcaggi e corse a perdifiato realizzando ben 5 mete!!!
Si affronta ora il Livorno Rugby 1931, ma l’impegno e la determinazione non bastano ai nostri  guerrieri per arrivare alla vittoria.
Tant’è… la sconfitta non ha impedito comunque di realizzare placcaggi, passaggi di palla e sostegno ai compagni da veri professionisti.
Si inizia poi il terzo incontro con i Lions Amaranto 1, e, complice la maggior confidenza con il fango ed il gioco di squadra, riescono a portare a casa ben 7 mete.
Con il buio che avanza ed un temporale alle porte, si affrontano ora alla luce dei fari del campo sempre più pesante, i temibili avversari Etruschi Livorno più fangosi e più determinati che mai, ma dopo un rovinoso primo tempo per i nostri, l’arbitro fischia la fine… per mancanza di luce!!!
I nostri tigrotti del Firenze Rugby 1931, sul difficile campo di Livorno, infangati e stanchi, ma con gli occhi scintillanti dalla soddisfazione di aver comunque giocato con coesione di gruppo, si avviano verso le docce ed un terzo tempo tutto “dolce” offerto dai genitori del Lions Amaranto Livorno.
Una menzione speciale agli esordienti di oggi: non si sono tirati indietro di fronte alle difficoltà di un campo “arato”, ma insieme ai loro compagni veterani hanno dato il massimo cercandosi, aiutandosi, passandosi la palla e soprattutto divertendosi!

 

Testo di Elisabetta Piccioli – Foto di Claudio Sozio

Serie C1: Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 cade a Pisa

Gli infortuni e l’indisciplina segnano la gara dei biancorossi

Pisa – Dopo un inizio di campionato in salita, i ragazzi di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 vanno ad affrontare in trasferta il CUS Pisa, altra squadra che aveva accumulato tre sconfitte nelle prime tre giornate. Due squadre affamate di punti, con i padroni di casa che partono leggermente favoriti dal fattore campo. La partita si gioca su un sostanziale equilibrio. I pisani partono forte ma non riescono a superare la difesa biancorossa. Riescono a passare in vantaggio con una meta realizzata all’inizio del secondo quarto ma vengono riacciuffati subito nel punteggio dalla meta messa a segno da Meroni che finalizza il lavoro del pacchetto di mischia biancorosso. Prima della fine del tempo però i padroni di casa segnano una nuova meta. La partita è sentita da ambo le parti e l’arbitro spedisce fuori per dieci minuti un giocatore pisano e Pratesi, entrambi coinvolti in una scaramuccia. Prima della fine del primo tempo è Peri a ricevere il cartellino giallo per un placcaggio in ritardo. La prima frazione è ad appannaggio del CUS Pisa, che chiude sul 10 a 5.

Nel secondo tempo permane principalmente una situazione di gioco rotto, non molto spettacolare, ed il tabellino si muove solo per i piazzati. Nell’ultimo quarto, quando sembrava che la mischia fiorentina stesse prendendo il sopravvento, due infortuni in prima linea, a Pratesi e Stellini, rendono difficile la rimonta. La prima linea viene cambiata quasi completamente ed i fiorentini non riescono più a gestire il gioco. Il match si chiude così sul 16 a 8. Ai due infortunati, lussazione alla spalla per Stellini ed al gomito per Pratesi, vanno tutti gli auguri degli appassionati fiorentini per un pronto recupero.

Le dichiarazioni del tecnico Paolo Sposato

Grossa delusione, domenica. Speravamo di dimostrare qualcosa di più sul campo del CUS Pisa, contro una squadra che come noi era ultima in classifica. Uno scontro diretto, era importante fare risultato, vincere, anche per cancellare le due sconfitte in casa che, soprattutto quella con i Lions Amaranto, hanno lasciato il segno sulla squadra.
Probabilmente i ragazzi non sono ancora pronti a questi scontri improntati molto sul piano fisico, anche se loro erano alla nostra portata. Sulle fasi prolungate, sulla continuità di gioco non siamo riusciti a mantenere il possesso. Abbiamo commesso tantissimi errori individuali non provocati: passaggi avanti, tenuti e falli, tantissimi falli. Mettiamoci anche i cartellini gialli, uno a Pratesi ed uno a Peri, e soprattutto i due infortuni a metà del secondo tempo, quando i pisani erano un poco in calo dal punto di vista della tenuta fisica e noi eravamo ancora forti. Sia Pratesi che Stellini erano due giocatori che meglio stavano giocando e che avevano mantenuto la padronanza ed il confronto con gli avversari e sono dovuti uscire, oltretutto per due infortuni abbastanza gravi che hanno pesato sull’ultima mezz’ora di gioco. Resta il fatto che i pisani erano meritatamente in vantaggio, avevano fatto due mete e tenuto bene la difesa.
Niente da dire. Non siamo ancora con la testa in C1. Mi space dirlo, è una constatazione dura. Spero che nelle prossime settimane riusciremo ad entrare in quest’ottica perché la squadra c’è, il gruppo c’è, i ragazzi sono forti. Si tratta solo di riuscire a trovare i meccanismi.

Toscana Aeroporti I Medicei tornerà in campo per il derby con i Cavalieri Union Prato Sesto in trasferta. L’appuntamento è per domenica 18 a Sesto alle 14.30.

Gianni Savia – Ph. Donatella Bernini

VOLONTÀ E TENACIA NON BASTANO ALL’UNDER 16

UNDER 16 Elite
Campionato Elite – 3° giornata
Firenze, Ruffino Stadium Mario Lodigiani – domenica 28 ottobre ore 11.00

 

TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931 vs Parma 1931 0-63

 

Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 0–Parma 1931 5
Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Starda, Martelli, Pagni, D’Alessandro, Brogi, Vitone, Formigli, Ramhouni, Menicagli, Chiodi, Cortopassi, Lo Gaglio Pietro, Pallotti, Ricci, Fortuna. A disposizione: Grieco, Belforte, Giannardi, Mellini.

 

All.: Caneschi

 

Seconda sconfitta casalinga per l’Under 16 Elite di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931. Innanzitutto distinguiamo tra analizzare e giustificare. Comprendere le origini di un problema comporta riconoscere risorse e limiti sia nostre che degli avversari. Questa volta è la franchigia composta dalle squadre del Rugby Parma 1931 e Amatori Parma a mettere al tappeto i nostri giovani atleti. Il punteggio è lapidario e non lascia spazio ad alibi: 63 a 0.
Osservando le forze in campo non si può non riconoscere che la nostra formazione risenta di alcuni infortuni, abbandoni e pause di riflessione. Tutti questi aspetti invalidano la spina dorsale della squadra: prima linea, terza centro, mediana ed estremo sono reparti attraversati dal problema.
Questo stato di emergenza non può non mettere in difficoltà anche gli altri ruoli che si trovano sempre a tirare e strapparsi una coperta molto corta. In effetti si fatica ancora molto a riposizionarsi e si esce troppo lentamente dalle ruck. È lenta la redistribuzione e questo facilita per gli ospiti il compito di creare spesso il sovrannumero. Quando poi lo schieramento è efficace, la cavalleria leggera fatica comunque moltissimo sulle fasce ad effettuare placcaggi efficaci e definitivi.
In fase offensiva si è notato una certa difficoltà a non stare piatti cosa che ha facilitato la risalita aggressiva degli avversari. Come alternativa i portatori di palla hanno adottato quella “dell’autoscontro”: troppo prevedibile per una squadra smaliziata e fisica come il Parma.

Detto ciò va constatato che il secondo tempo è stato giocato in un continuo crescendo. Gli allenatori sembrano riusciti nella difficile impresa di scrollare i ragazzi e di farli credere nel valore della tenacia. Nonostante il pesante risultato hanno lottato tutti fino alla fine. Ci sarà certamente modo, vista la qualità dei tecnici, di colmare le lacune. Il calendario è stato particolarmente severo mettendoci di fronte nei primi tre incontri le tre candidate al titolo. L’obiettivo resta quello della conquista del quarto posto e, malgrado l’avvio pesante, nessuno pensa né di dovere né di volere rinunciare a tale ambizione.

Testo di Giorgio D’Alessandro – Foto di Irena Palavrsic

 

UNDER 16 Regionale
Campionato Regionale – Girone 1 – 3°giornata
Livorno, campo Salviano – domenica 28 ottobre ore 12.30

 

Granducato vs TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931   42 – 6

 

Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931: Zanotelli, Comandi, Di Marco, Battaglini, Ermini, Rutilensi, Morandi, Beccastrini, Meoli, Bianchini, Pianigiani, Cipriani, Di Domenico, Sbolci, Lo Gaglio. A disposizione: Gaggelli, Botta, Fusco

 

All. Chiti, Benaim.

 

È una partita impegnativa quella che affronta a Livorno la Under 16 Regionale della Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 contro la Franchigia del Granducato. Franchigia che come noto annovera tra le proprie fila giocatori dei Lions Amaranto Livorno, Etruschi e Bellaria Pontedera. La squadra del Granducato è fisicamente decisamente più strutturata e all’avvio della partita prende subito il controllo dell’incontro. Da segnalare che la squadra del Firenze, con numerosi cambiamenti rispetto alla precedente partita, annovera ben tre giocatori al rientro sul campo da gioco dopo un lungo stop. Il Firenze accusa inizialmente il colpo ma poi si riassesta, si organizza e comincia a difendersi con caparbietà. Diversi giocatori sono alle prime esperienze in partite di campionato e pagano questa iniziale inesperienza, ma ci mettono una gran voglia di giocare e con il passare dei minuti l’orgoglio messo in campo si nota. È evidente la differenza tra le due squadre soprattutto in mischia ordinata e nelle touches, frutto sia della differenza fisica ma anche della poca confidenza con gli skills specifici. La squadra del Firenze si affida molto all’esperienza di 5-6 giocatori più esperti in ruoli chiave che piano piano riescono ad amalgamarsi con gli altri. Il primo tempo finisce 21-0 per la Franchigia del Granducato con tre mete trasformate ma gli allenatori Lorenzo Chiti e George Benaim portano i correttivi necessari e chiedono ai ragazzi di mettere tutto in campo. Riprende il secondo tempo con alcuni giocatori provati fisicamente ma la panchina corta composta da tre giocatori permette giusto la sostituzione per i tre infortunati. La squadra tiene e la partita risulta a tratti anche avvincente. Da segnalare gli ottimi calci dell’apertura del Firenze che sposta più volte il baricentro del gioco, bene anche le terze linee con moltissimi placcaggi e tentativi di ripartenza, bene anche l’estremo come detto al rientro dopo molti mesi ma puntuale in tutti i recuperi e nelle ripartenze. Alla fine sono tre le mete subite dai ragazzi del Firenze, due a seguito di contropiede con il Firenze nei 22 avversari. Con due calci da tre punti Bianchini fa muovere il tabellino anche per il Firenze e concretizza così gli sforzi di tutta la squadra. Finisce 42-6 ma c’è da essere contenti per la volontà messa in campo dai ragazzi. Si è anche consapevoli che da sola questa non basta ed è necessario un duro e costante lavoro per portare i ragazzi ad una crescita sia tecnica sia fisica, se si vuole in futuro togliersi delle soddisfazioni.

Testo di Luca Beccastrini –  Foto di Barbara Marapodi

 

 

UNDER 12 – Raggruppamento Rooster Galluzzo – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Galluzzo FI, impianto sportivo Galluzzo – sabato 27 ottobre ore 15.30
Terzo incontro quello di sabato 27 ottobre per il raggruppamento organizzato dalla Società Rooster Rugby Galluzzo, come da calendario del CRT Rugby. Società presenti oltre a Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 e Rooster Rugby, Florentia 1, Florentia 2 e Valdinievole Rugby da Uzzano Pistoiese. La superficie  permette di organizzare un campo A e un campo B, il campo un po’ rustico, ma i nostri atleti nemmeno lo notano tanta è la voglia di giocare. Sempre sotto le coordinate dell’allenatore Marco Magini e il nuovo coach Ugo Alfieri i ragazzi si preparano ad un riscaldamento e ad una buona concentrazione per iniziare la gara. Le partite sono di 12 minuti ognuna. La prima squadra che affrontano i gigliati biancorosso è il Florentia 1, i quali mettono a dura prova i nostri ragazzi ritrovandosi a soffrire sulla difensiva per i primi sette minuti e subendo una meta; è solo negli ultimi  cinque minuti che raggiungono il pareggio. Una partita che presenta vari errori commessi dalla squadra uno dei quali è stato quello di non aprire i passaggi, questa breve esperienza serve a impostare un nuovo gioco e cercare di migliorare per affrontare le partite successive. Sia con Rooster Galluzzo, Florentia 2 e Valdinievole Rugby i nostri atleti ritrovano l’energia giusta, una buona determinazione e complicità tra di loro portando a casa ancora una volta un buon risultato. Qualche meta in più subita rispetto alle scorse volte, le difficoltà sono importanti per imparare e ben accette in questa fase di crescita sportiva. Ancora una volta Alabim!

 

Testo e foto di Roberta Falcini

 

 

UNDER 10 – Raggruppamento Montelupo Empoli – TOSCANA AEROPORTI FIRENZE RUGBY 1931
Montelupo Fiorentino FI, campo sportivo Fibbiana – sabato 27 ottobre ore 15.30

 

L’Under 10 di Toscana Aeroporti Firenze Rugby 1931 si presenta sabato pomeriggio sul campo di Fibbiana con 15 atleti, accompagnati dagli educatori Emma Hill e Riccardo Romoli. Il raggruppamento è formato da sette squadre, oltre a noi, sono presenti due squadre per il Bellaria, una per il Rugby Lucca, una per la Polisportiva Sieci, oltre ai padroni di casa dell’URME, nato dall’unione delle squadre di Montelupo ed Empoli.
I biancorossi scendono in campo suddivisi in due squadre, pronti ad affrontare sei partite da 8 minuti ciascuna. Il Firenze, a causa di qualche assenza, schiera per lo più bambini al primo anno di categoria, cosa che però non li intimorisce affatto nemmeno quando si trovano a fronteggiare dei veri e propri “colossi”. Anche in questa occasione, è chiaro che uno dei punti forti della squadra è la rapidità, i biancorossi corrono veloci per il campo andando a schiacciare una meta dopo l’altra. C’è sempre tempo per migliorare ma per adesso i risultati sono ottimi, il gruppo è unito dentro e fuori dal campo.
Il pomeriggio si conclude con un Alabim urlato al cielo, un bel selfie di squadra e un ottimo terzo tempo con hot dog e patatine!

 

Testo di Gaia Farulli – Foto di Tommaso Martinoli