Domenica gara di ritorno dello scontro salvezza con l’Amatori Capoterra

Finita 20 a 20 all’andata quella del Lodigiani sarà una vera e propria finale

Firenze, 23 maggio 2014
Sarà uno staff tutto aquilano e di livello (arbitro Passacantando con giudici di linea Salvi e Valeri e quarto uomo Ciavarro) quello che domenica prossima 25 maggio alle 15.00 dirigerà la gara di ritorno dei play out per la permanenza in Serie A che vedrà di nuovo protagoniste sul campo del Lodigiani Aeroporto Firenze e Amatori Capoterra. Come se ce ne fosse stato bisogno il risultato dell’andata – 20 a 20 – ha reso ancora più avvincente questa sfida dove le due squadre in 80’ si giocheranno il loro prossimo futuro sportivo. A o B, paradiso o inferno, tutto ancora da decidere, per quella che si è trasformata in una vera e propria finale.

Tante indicazioni sono comunque arrivate dalla terra sarda. All’andata i biancorossi superata la prevedibile sfuriata iniziale dei padroni di casa hanno retto bene il confronto – in attacco con la mischia e in difesa sui trequarti – e hanno chiuso in crescendo. Il pareggio è stato conquistato solo in volata finale, ma questo indica anche una freschezza atletica che potrà essere sfruttata nella gara di ritorno. Dal canto suo, una squadra esperta come l’Amatori Capoterra, sarà difficile che conceda ancora evidenti vantaggi numerici per carenze disciplinari come all’andata. Sicuramente Queirolo e il suo team avranno studiato le dovute contromisure, ma questa volta dovranno far fronte anche a un fattore campo che non sarà da sottovalutare.

In questo senso la Società biancorossa ha mosso la sua organizzazione. INGRESSO LIBERO e MEGA TERZO TEMPO per tutti a base di birra e salsicce. Questa sarà l’accoglienza che al Lodigiani troveranno i tifosi delle due compagini, e che vuol far diventare questo evento una grande festa del rugby per tutti, vincitori e sconfitti.

Jacopo Gramigni – foto Sergio Fermi