L’Under 18 travolge al Cavallaccio i Lions Amaranto Livorno

Rafforzata la leadership dei fiorentini nel Campionato Toscano

Firenze, 2 dicembre 2013

Vola – in un forte vento di tramontana che spazza il Cavallaccio – l’Under 18 di Peppe Sorrentino e Marco Falleri, impegnata nella sfida di vertice del Campionato Regionale Toscano lanciata ai Lions Amaranto, secondi in classifica a sette punti di distacco, ma con una partita giocata in meno rispetto ai fiorentini. Una sfida delicata, sulla carta, poiché i labronici possono schierare in campo un pacchetto di mischia di valore, guidato dal pilone della Nazionale Under 18 Barducci e sono squadra ben organizzata. I tecnici fiorentini possono contrapporre un organico di buon peso fisico e tecnico, anche se dei cinque Accademici biancorossi l’unico ad essere disponibile al momento è il pilone Clemente Zileri.

Gli amaranto livornesi scelgono di giocare il primo periodo a favore di vento e partono decisamente bene, mettendo i fiorentini sotto pressione nella propria metà campo nei primi cinque minuti, con la mediana biancorossa a realizzare immediatamente quanto sia inopportuno giocare al piede per risalire il campo contro Eolo alleato degli avversari. Gioco alla mano dunque, e progressiva riconquista territoriale affidata alla spinta degli avanti che porta i fiorentini a giocarsi nei ventidue metri avversari l’opportunità di andare in vantaggio. Una breve serie di ripetute percussioni culmina al 6’ nella segnatura di capitan Tommaso Cini che, di potenza, buca lo schieramento avversario sulla linea di meta. Appena tre minuti dopo: altra pressione fiorentina con repentini cambi di gioco operati da un’efficace coppia di mediana e nuova percussione vincente di un giocatore del pacchetto di mischia, il pilone Michael Casini, che si tuffa schiacciando la palla tra i pali. Matteoni trasforma, tra le lunghissime aste oscillanti nel vento, per il parziale di 12-0.

La sfida prosegue in mezzo al campo, la compatta squadra livornese prova a reagire al break, ma i biancorossi sono determinati, quasi feroci, nel contestare l’avanzata degli avversari e bravi, davvero bravi, nelle fasi di riconquista. Dagli sviluppi di una touche nei ventidue labronici il mediano di mischia Matteoni vede lo spazio per infilare la difesa avversaria e si fionda in meta in bandierina. E’ solo il 16’ e il parziale cambia in 17-0, ma da questo punto in poi, i livornesi perdono morale e convinzione mentre i biancorossi fiorentini giocano benissimo e la mediana innesca la velocità dei tre quarti che piazzano nel giro di soli cinque minuti – dal 22’ al 26’ – tre inebrianti sprint che valgono altrettante segnature: la prima si origina da una bella percussione del centro Sanna che riceve il determinante sostegno dell’ala Niccolò Rovini, finalizzatore ultimo dell’azione sull’out di destra; la seconda è determinata da una prolungata volata da metà campo dello stesso Rovini che schiaccia l’ovale ancora vicino alla bandierina di destra; la terza arriva da una violenta accelerazione del mediano di apertura Corso Caneschi che trova impreparata la difesa amaranto. Negli ultimi minuti del primo tempo l’orgoglio spinge gli ospiti a schiacciare i fiorentini nei propri ventidue, ma la risposta dei biancorossi è davvero efficace e non consente agli avversari di finalizzare i ripetuti e massicci assalti degli avanti. Il parziale di chiusura primo tempo recita un 32-0 che è specchio fedele di quanto visto in campo, con la squadra fiorentina protagonista assoluta nel recitare, quasi alla perfezione, il rugby predicato dallo staff tecnico.

La ripresa vede Aeroporto Firenze giocare in favore di vento e ci vuole un po’ per prendere le misure ad un alleato che è determinante nel causare qualche sbavatura nella precisione di passaggi, lanci di touche e traiettorie alte del pallone. Sorrentino e Falleri operano progressivamente tutte le sette possibili sostituzioni, i livornesi ci mettono tutto l’impegno per dare una sterzata all’andamento dell’incontro ma non vanno oltre le buone intenzioni, non rendendosi mai realmente pericolosi, anche perché i biancorossi contengono, ma non rinunziano certo ad attaccare. Ci vogliono però dieci minuti per arrivare ad una nuova segnatura, realizzata con una insistita e caparbia percussione dalla terza linea centro Alberto Bottacci. Marco Logi beneficia finalmente del vento alle spalle e realizza la trasformazione tra i pali. Ancora una decina di minuti di discreto gioco biancorosso e di contenimento degli ospiti ed è proprio l’estremo fiorentino Logi a sviluppare uno slalom travolgente tra i difensori amaranto, che parte dalla propria metà campo per culminare tra i pali avversari. Sua anche la trasformazione. Al 28’ è Niccolò Rovini, nel frattempo passato al ruolo di mediano di mischia, a siglare la propria terza meta di giornata, la nona della squadra, leggendo bene una situazione di sovrannumero determinata dal lavoro dei propri avanti nei pressi della linea di meta. Logi trasforma. L’ultimo acuto arriva da un’azione corale della linea dei tre quarti, ancora sulla destra, finalizzata con una magistrale finta di passaggio e cambio di angolo di corsa di Corso Caneschi. Logi, ispirato, non sbaglia la trasformazione che porta il punteggio sul 60-0 e al fischio finale del direttore di gara. Bello anche il saluto con corridoio finale delle due squadre, che hanno interpretato la sfida con grande lealtà e correttezza, merito anche di una direzione arbitrale davvero efficace e priva di sbavature.

Volano lanciate nel vento le maglie biancorosse, vola Aeroporto Firenze Rugby in fuga, in testa alla classifica. Il settimo sigillo stagionale nel campionato toscano e la qualità e intensità del gioco espresso gratificano il lavoro di Peppe Sorrentino e Marco Falleri, coadiuvati in campo – in settimana – da validi assistenti di reparto come Giovanni Bianco – avanti – ed Emanuele Menè – mediani e trequarti – e dal preparatore fisico Antonio Semoli.

“Davvero un gran bel primo tempo – ha commentato Sorrentino al termine della partita – dove siamo riusciti a imporre il nostro gioco e il nostro ritmo all’avversario, adeguandoci intelligentemente alle avverse condizioni di vento e sviluppando volume di gioco e qualità di azioni davvero pregevoli, mettendo la partita su un binario facile da percorre fino al termine.”

AEROPORTO FIRENZE RUGBY – LIONS AMARANTO LIVORNO: 60-00 (p.t. 32-00)

Marcatori: 6’ m. Cini (5-0); 9’ m. Casini tr. Matteoni (12-0); 16’ m. Matteoni (17-0); 22’ m. Rovini (22-0); 24’ m. Rovini (27-0); 26’ m. Caneschi C. (32-0).
S.T.: 10’ m. Bottacci tr. Logi (39-0); 20’ m. Logi tr. Logi (46-0); 28’ m. Rovini tr. Logi (53-0); 35’ m. Caneschi C. tr. Logi (60-0).

Aeroporto Firenze Rugby: Logi, Rovini, Sanna, Ismaili, Ciullini, Caneschi C., Matteoni, Bottacci, Cini (cap.), Burattin, Mazzini, Biagini, Fabbri, Casini, Zileri. A disposizione: Panerai, Bartolini, Ferrami, Michelagnoli, Santoni M., Santi, Caneschi V.
Allenatori: Peppe Sorrentino e Marco Falleri

Effecì – Foto: Donatella Sisi